Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Biografia

Trama:
Negli ultimi anni i romanzi di Elizabeth Gaskell, scrittrice vissuta in Inghilterra nell'Ottocento, stanno finalmente raggiungendo anche i lettori italiani, grazie alle traduzioni dei suoi romanzi ad opera di diverse, volenterose case editrici.
Mara Barbuni, studiosa e insegnante di letteratura e lingua inglese e direttrice della rivista letteraria della Jane Austen Society of Italy (Due pollici d'avorio), ha abbracciato appieno questo nuovo sbarco italiano della Gaskell, partecipando alla traduzione di alcuni dei suoi romanzi – tra cui Gli innamorati di Sylvia e Mogli e figlie.

Recensione:
Un'opera che non è solo una biografia, ma è un punto d'osservazione e uno studio approfondito sulla vita di Elizabeth Gaskell, innanzitutto come donna, moglie e madre, poi come scrittrice.
E' apprezzabile il modo in cui l'autrice, Mara Barbuni, ripercorrendo i passi della grande scrittrice, ne espone l'umanità attraverso le sue lettere e i suoi romanzi. Visitando i luoghi che hanno ispirato la Gaskell, l'autrice immagina di rivedere i personaggi letti nei libri, percependo con tutti i sensi la loro presenza e riuscendo persino a provare le stesse emozioni.
"La piazza è piccolissima, stretta nella morsa delle variopinte botteghe che la circondano (in una di queste mi pare di aver riconosciuti l'emporio dei Foster...), è dominata dal mercato coperto, il cui piano inferiore, aperto all'interazione con l'esterno perché completamente contornato da colonne, si è riempito, nella mia immaginazione, di donne intente a vendere uova e burro sedute sui loro sgabelli e delle grida del banditore. La torre campanaria che svetta giusto sopra l'edificio ha poi richiamato alla mente, con terribile vividezza, le scene della rivolta popolare - il finto allarme incendio, la cattura degli uomini da parte delle truppe di arruolamento, la rappresaglia dei cittadini..."
Si fa forte il desiderio di partire per l'Inghilterra e ripercorrere gli stessi passi, facendo le escursioni in Areas of Outstading Natural Beuty, visitando i castelli nel Galles e altre cittadine come Heidelberg.
Mara Barbuni sottolinea anche i fatti tragici che hanno segnato e condizionato la scrittrice, rispecchiando il dolore nei suoi scritti: la morte della madre (avvenuta quando era ancora troppo piccola per ricordare); quella del fratello a cui era molto legata; la prematura scomparsa dell'ultimo genito; la perdita dell'amica del cuore Charlotte Brontë (autrice di Jane Eyre) e dell'amata zia che l'ha cresciuta.
Ovviamente non è trascurato l'aspetto umano della Gaskell, molto sensibile ai problemi della classe operaia, al ruolo di moglie (molto legata al marito), a quello di madre (che come tutte si preoccupa delle figlie e del loro futuro), e alla sua umiltà come scrittrice: "Non credo mi sia mai interessato ottenere la fama letteraria; e non credo neppure che sia una cosa alla quale prestare particolare attenzione. E' una cosa che va e viene."
La Barbuni, riportando in vita tutto ciò che è appartenuto ad Elizabeth Gaskell, riesce a trasmettere molte sensazioni, iniziando dalla visita alla villa in cui viveva, infatti, con l'apertura degli scuri, si assopora quel particolare momento in cui la casa si anima ed entra nella routine quotidiana della famiglia.
La morte della scrittrice lascia un po' di amaro in bocca, sembra che la sorte l'abbia beffata, infatti avviene proprio quando finalmente era giunta all'apice stilistico con il romanzo "Mogli e figlie" (non terminato), ed aveva coronato in parte il sogno di una casa dove ritirarsi. Ma per sua fortuna ha avuto una vita intensa, grazie agli innumerevoli viaggi, i salotti frequentati e le amicizie che la circondarono (Brontë, Darwin, Dickens...).
Al termine della lettura ci si ritrova con un bagaglio di dettagli e con il desiderio di scoprire ancora di più della Gaskell leggendo tutti i suoi romanzi, se non ancora letti.
(Gloria Aghi)



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy