Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


Sguardo inquieto
di Donatella Garitta Saracino

  • Acquista questo libro su laFeltrinelli.it
  • Acquista questo libro su Ibs.it
  • Acquista questo libro su Amazon.it
  • Le prime 30 pagine disponibili qui

    Casa Editrice: Carta e penna - 222 pagine
    Disponibile in formato ebook




  • Genere: Narrativa

    Trama:
    Il dottor Masselli Ŕ un pediatra di mezz'etÓ, lavora all'ospedale infantile Regina Margherita di Torino, svolge la libera professione nel suo studio, Ŕ sindaco in un paese della cintura, Ŕ sposato e ha una figlia. La sua vita scorre come tante sino a quando la sua assistente lo trova morto, nello studio: evirato e finito con un bisturi nel cuore. Il commissario Cantamessa Ŕ incaricato del caso e con l'ispettore Raimondi inizia a scavare nella vita del medico. Suppongono subito che l'omicidio sia stato commesso da una donna, non tanto gelosa, quanto infuriata. Mentre il commissario Cantamessa indaga sull'omicidio del dottor Masselli, l'ispettore Raimondi cerca di far luce su un'esplosione in un centro commerciale che ha provocato quattro morti, molti feriti e portato alla luce un cadavere, murato anni prima nelle fondamenta dello stabile, originariamente adibito a fabbrica di biscotti e poi riqualificato. Nell'esplosione Ŕ coinvolta anche Emma, la donna che il commissario frequenta da qualche tempo...

    Commento:
    Ci troviamo davanti a un bel giallo "nostrano", ambientato a Torino e con personaggi che possono somigliare alle nostre realtÓ quotidiane, senza rimandi alle pi¨ classiche serie televisive americane, come purtroppo accade sempre pi¨ spesso per questo genere letterario.
    Gli ingredienti sono tanti: vita pubblica e vita segreta, incapacitÓ di accettare il "diverso", dolore interiore per affetti mancati, un senso di giustizia personale costantemente tradito e un conseguente desiderio di rivalsa. A queste basi l'autrice (che si occupa di malattie rare) aggiunge le proprie conoscenze personali per dar vita ad una storia ben scritta e ben costruita, con gli opportuni salti temporali che permettono di comprendere un po' alla volta il vissuto dei vai personaggi, tutti caratterizzati e descritti nelle varie fasi della propria vita: familiare, pubblica e lavorativa.
    Il risultato Ŕ un romanzo che incuriosisce al punto giusto per arrivare fino ad un coinvelgente finale, con l'interesse che non viene mai meno.
    Quando la lettura Ŕ finita, restano alcuni spunti di riflessione.
    Il primo sicuramente Ŕ la netta differenza che spesso si riscontra fra giustizia e legge. Quest'ultima ovviamente non ammette eccezioni, e non pu˛ sicuramente ammetterne per reati gravi come l'omicidio, ma scorrendo le pagine e comprendendo fino in fondo la vita e i comportamenti della vittima, si ha meno pietÓ per la sua morte.
    Il contrario accade per l'assassina, che alla fine risulta essere la vera vittima per tutto il male che ha dovuto subire nel corso degli anni, male che ha fatto nascere in lei un naturale e inevitabile desiderio di rivalsa fino a un gesto estremo per tentare di rimettere a posto le cose (almeno mentalmente).
    La seconda riflessione che nasce leggendo queste pagine, Ŕ un'analisi della nostra societÓ e di come ci "nutriamo" degli scandali e delle disgrazie altrui. Con trasmissioni pseudo-giornalistiche che riempiono le nostre serate televisive dove, come in uno stadio, troviamo telespettatori che "tifano" per l'una o per l'altra parte, bramosi di conosce le tante veritÓ che contornano ogni dramma umano e che costruiscono la propria opinione in base a indizi e sospetti spesso lontanissimi dalla veritÓ dei fatti.
    E poi ci sono i giornalisti, a volte spietati, che scavano nella vita delle persone portando in piazza piccoli segreti solo per fregiarsi di un successo personale e per avvalorare tesi che poi nulla hanno a che fare con la veritÓ giudiziaria, senza porsi scrupoli e domande; senza pensare che quando lo scandalo avrÓ fatto spazio al successivo scoop, si lasciano indietro esseri umani che al dolore per una perdita, devono aggiungere anche il dolore per una societÓ che li ha giudicati e additati per episodi che erano assolutamente indipendenti dall'accaduto.
    Quindi una lettura consigliata agli amanti del genere, per qualche ora si suspense e per qualche acuta riflessione.
    (Norberto Loricati)



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro della settimana

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy