Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Romanzo storico

Trama:
Favale 1544. Alla sommità di un piccolo e remoto borgo della Lucania, lungo il fiume Siri, si erge una rocca, feudo della famiglia Morra. In un luogo lontano dai turbinii della Storia, l’esistenza dei suoi abitanti verrà scossa da una serie di avvenimenti. Qui i destini dei protagonisti del romanzo si intrecceranno e si scontreranno fra storie di amore segrete, intrighi, conflitti, gelosie, abusi, pratiche magiche ed eresie. Nei vortici delle passioni più ancestrali e nella violenza di un mondo arcaico e guerriero, la ricerca di ideali assoluti, attraverso la filosofia e la poesia, si scontrerà drammaticamente col destino dei personaggi. Al centro del romanzo campeggiano le figure di Isabella Morra, celeberrima poetessa del Cinquecento, e del suo precettore che con la loro forza d’animo si opporranno ai soprusi del mondo spietato in cui si trovano a vivere, perpetrati dai fratelli di Isabella e da scaltri cultori della legge. La storia è tratta da fatti storici realmente accaduti. La fantasia dell’autore si è limitata a insinuarsi nel cono d’ombra del mito col fine di approfondire e indagare la realtà oscura dell’animo dei protagonisti, affiancandosi a ciò che la storia ci ha tramandato, senza violentarla, ma accompagnandola dove la lacunosità delle fonti e l’ignoranza degli storici impediscono di discernere il vero dalla leggenda.

Recensione:
I prigionieri del Siri è un romanzo storico con una precisa identità, riconoscibile dalle prime pagine.
L'uso degli aggettivi nelle belle descrizioni pone immediatamente gli occhi del lettore sul linguaggio scelto dall'autore per la sua opera: un italiano infiorettato, perfettamente consono al periodo storico che viene descritto. L'immersione nel libro e nella storia è così immediata, sebbene questo stile renda la lettura più lenta e bisognosa di attenzione. Un difetto? No, perché questo romanzo merita un ritmo pacato per apprezzarne le sfumature.
L'intera vicenda gira intorno alla famiglia Morra, nel borgo di Favale, in Basilicata, nel XVI secolo. Conosciamo i componenti della casata e le loro indoli, le fortune avverse e le catene che li legano gli uni agli altri e alla loro terra.
Intorno a loro le figure di Diomede, pedagogo della famiglia attraverso il quale conosceremo le vicende della guerra e dell'assedio di Napoli, il giurista Fernando mandato nel borgo per indagare su alcuni efferati omicidi che insanguinano la contrada, dando un tocco di mistero all'intero libro. Altri personaggi sempre ben delineati e costruiti entrano ad aggiungere colore e spessore ad una vicenda complessa che viaggia sul tema della superstizione, dell'eresia e delle pratiche magiche.
Mentre il Sant'uffizio e l'inquisizione iniziano a muovere i primi passi sulla spinta del Cardinale Carafa, tutti i personaggi rivelano le proprie prigioni: Diomede, che dopo gli orrori della guerra vive una fede che si allontana sempre più dalla convenzione e dalla guida dei pastori del clero provocandogli indicibili dolori dell'anima; Fernando, che è uomo di legge spietato e capace, ma nasconde una vena sadica e un gusto per le sofferenze impartite agli innocenti. Isabella Morra, pupilla di Diomede, che sogna la Francia dove il padre vive in esilio, fanciulla amante delle lettere e degli studi prigioniera nel castello e vittima della natura violenta dei fratelli; i fratelli Morra dal rissoso Marcantonio prigioniero della sua ignoranza ed inadeguatezza allo schivo Fabio prigioniero della sifilide e di insane passioni.
Diverse personalità rinchiuse in diverse prigioni che non sono fisiche, bensì morali, dei costumi, dell'anima, per un romanzo che parla di violenza e di soprusi contraddistinto da lunghi dialoghi che in certe parti raggiungono la valenza della poesia e della dialettica più raffinata.
Uno squarcio su un periodo storico riportato al presente con la sua crudezza e la sua malia.
Per lettori raffinati che amano i romanzi ricercati, con una storia ricca di spunti e argomenti interessanti.
(Tatiana Vanini)



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy