Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Narrativa

Trama:
Bj°rk non crede ai suoi occhi quando da Capo Thompson vede la Vesle Mari farsi strada tra i ghiacci per rifornire i cacciatori della costa. PerchÚ a bordo c'Ŕ proprio Halvor, che un Natale di anni prima ha divorato per errore il suo compagno, il Vecchio Niels, scambiandolo per il maiale di casa. Le cure mediche e il ritiro in seminario non sono serviti a placare i sensi di colpa del cacciatore, tornato in Groenlandia per cercare qualcosa che ha dimenticato, qualcosa di molto importante, che forse potrÓ dargli pace, ma cosa? Per ricordarlo intraprende un viaggio alla riscoperta della grande isola bianca, attraverso l'immenso buio dell'inverno polare, in cui "il tempo Ŕ un'illusione" che confonde il giorno e la notte, la realtÓ del nudo confronto quotidiano con una natura imperiosa e l'immaginazione paradossale, innaffiata di acquavite, degli avventurieri poetici e scanzonati che abitano queste terre sperdute.
Come Mads Madsen, che per la crisi di astinenza dalla sua pipa rischia di perdere un amico fraterno e qualche connotato in una furibonda scazzottata, o il raffinato Conte, che con una bottiglia di Chablis mette in piedi il primo allevamento di bue muschiato al mondo, o Fjordur, il vendicatore solitario con una ferita insanabile nel cuore e una passione per il lavoro a maglia. Se, come insegna il saggio Bj°rk, l'intelligenza Ŕ il semplice frutto della fantasia, niente Ŕ impossibile a chi sa ascoltare la natura fuori e dentro di sÚ, e la pi¨ impetuosa tempesta artica pu˛ dare a Halvor le risposte che cerca, conducendolo fino a Nanga, la meravigliosa montagna azzurra del Kashmir.

Commento:
Groenlandia, basta citare i luoghi dove il nuovo romanzo di J. Riel Ŕ ambientato perchÚ la mente inizi ad immaginare ampi spazi e senso di libertÓ. Viaggio a Nanga Ŕ una storia fuori dai soliti schemi, a tratti surreale, che parla per˛ di cose comuni a qualsiasi essere umano: errori e voglia di rimediare, insicurezze e ricerca di serenitÓ, bisogno di condivisione.
Da Halvor e l'ombra del vecchio Niels a Mads Madsen; dal conte e il suo compagno, l'avvocato Volmersen all'ingenuo Lasselille; dal saggio Bj°rk fino al solitario Fjordur, quella che l'autore ci propone Ŕ una carrellata di umanitÓ, un gruppo di persone che con le proprie virt¨ ma anche i piccoli difetti che li caratterizza ha per˛ un merito: quello di ritrovarsi in un luogo in cui la natura quasi selvaggia regna sovrana, evidenziando cosý le piccolezze dell'essere umano rispetto all'immensitÓ che lo circonda...
Eh si, perchÚ con una scenografia come quella descritta dall'autore, Ŕ difficile non sentirsi piccoli e ridimensionare tutto ci˛ che accade, soprattutto davanti allo splendido spettacolo del sole che sorge o che tramonta.
Viaggio a Nanga Ŕ un'avventura a tinte delicate e con sfumature a tratti malinconiche, pagine attraverso le quali Riel - pur parlandoci di un piccolo gruppo di individui e di una piccola comunitÓ - ci parla delle cose del mondo, di eventi e vicende che accadono dappertutto e nelle quali Ŕ facile riconoscersi. Che si tratti del bisticcio per un prestito tra amici o della voglia di vendetta, del desiderio di avere una persona accanto o di quello di realizzare un importante progetto lavorativo, i personaggi presenti nel romanzo incarnano bene le emozioni di volta in volta provate e, strappando anche qualche sorriso per le situazioni surreali a volte descritte, coinvolgono il lettore trascinandolo nella loro affascinante isola.
(Maria Guidi)



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy