Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Romanzo storico

Trama:
Questo libro illustra come sono stati vissuti in una famiglia borghese i principali avvenimenti degli ultimi centocinquant'anni della storia d'Italia: le Guerre d'Indipendenza, la caduta dei Borboni e la proclamazione del Regno d'Italia, la Grande Guerra, gli anni del fascismo, la seconda Guerra Mondiale, l'occupazione tedesca e l'avvento della democrazia. E poi le novità del secolo scorso, quali il progresso tecnologico, la "rivoluzione" di Internet e la scomparsa di molte tradizioni. Nel libro figurano anche opinioni e giudizi sulle complesse situazioni politico-economiche cui il Paese è andato incontro in questi ultimi due secoli.

Commento:
Fausto de Lalla riesce a dare una panoramica ottima e profonda dei periodi storici sfiorati dai personaggi del suo libro.
Una raccolta di emozioni e pensieri, politico-economici e privati, di persone che hanno affrontato le più grandi e difficili epoche della nostra storia, a partire dalla Guerra d'Indipendenza fino all'avvento della tecnologia, che ha portato numerosi cambiamenti, sia positivi che negativi.
Questo romanzo non è solo una presentazione storica, come potrebbe esserla quella di un'antologia: emergono chiaramente gli studi e gli approfondimenti ricercati dall'autore, ma soprattutto si nota la naturalezza e la dolcezza con cui vengono presentati alcuni racconti, riguardanti i parenti di cui ha maggior ricordo.
Il libro, infatti, è frutto dei ricordi e di quanto è stato narrato dai genitori a de Lalla; scritto in prima persona, emergono dal romanzo quelle situazioni e quei discorsi che non troverete mai nei libri storici, ma più facilmente nei diari personali e nelle raccolte biografiche.
Così come fa notare l'autore nella prefazione, lo scopo non è quello di "narrare fatti e misfatti d'avi e collaterali, ma, attraverso questi dare un'idea di come siano stati vissuti in una famiglia borghese i principali avvenimenti degli ultimi cinquant'anni della storia d'Italia".
Importante quindi ricordare che non si tratta di verità storiche, ma di punti di vista di persone, alcune delle quali non sono più tra noi, motivo per il quale non è verificabile la veridicità di determinate affermazioni.
Un volume interessante, ma forse non di facile lettura a causa di alcuni elementi che - se non conosciuti - possono appesantire lievemente la narrazione (anche se sono comunque presenti le note a fondo pagina che chiariscono i vari punti).
Si incontrano rari refusi di stampa che non pregiudicano la comprensione di dialoghi o fatti, i quali sono spiegati chiaramente e, in alcune parti, ricostruiti mediante un lessico colloquiale.
Un libro consigliato soprattutto ai veri appassionati di biografie e di vicende storiche dettagliate. Non adatto invece a coloro che, magari fuorviati dalla copertina, cercano un tipo di romanzo sulla falsariga di "Orgoglio e pregiudizio".
(Jessica Franco)



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy