Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Amore e sentimenti

Trama:
Tibo Krovic è sindaco di Dot, una piccola città sperduta sulle rive del Baltico. E' un uomo buono, gentile, puntuale come l'orologio del municipio, che ci sia da celebrare un matrimonio, rendere visita a una scuola o dirimere una lite tra i cittadini. Ma in fondo al cuore Tibo nasconde un'ombra: ama in segreto e senza speranza la bella Agathe Stopak, la sua segretaria, "bianca e sinuosa come una gru" soprattutto quando è baciata dai raggi del pallido sole che talvolta inonda la sua scrivania.
A Dot, dove il gelido vento del Nord soffia tutto l'anno, gli innamorati non hanno vita facile. Essere ricambiati in amore è una rarità, e ne sa qualcosa la stessa Agathe, prigioniera di un matrimonio infelice. Per Tibo e per Agathe nulla sembra essere più lontano dell'amore. Ma un giorno qualcuno si accorge di loro, una magica presenza che dall'alto di guglie di pietra e statue erette in suo onore vede tutto e sa tutto.
E' Walpurnia, la santa barbuta che da secoli veglia sui dottiani, e che ha appena deciso di far nascere negli animi sensibili dei due protagonisti un desiderio incontrollabile, che sconvolgerà i loro destini e le vite degli abitanti di Dot per gli anni a venire.
Sospeso tra fiaba, leggenda, realismo magico e umorismo scozzese, un romanzo sul senso dell'amore, che crediamo inaccessibile, e poi un giorno, quando riusciamo a fare il primo passo, scopriamo che ci cambierà la vita.

Commento:
Romanzo d'esordio di Nicoll, giornalista e già autore di vari racconti, la storia d'amore tra Tibo e Agathe conquisterà il cuore dai lettori fin dalle prime righe.
Sarà per l'atmosfera magica che permea il libro, per l'originale voce narrante - Walpurnia, la santa barbuta che protegge il piccolo paesino - che racconta con brio e ironia quanto accade a Dot, per l'aria romantica e ricca di fascino che pervade quella cittadina sulle rive del mar Baltico, ma Non sarà mai inverno ha il merito di coinvolgere in pieno, mescolando realismo e fiaba in un intreccio che fa sognare, senza risultare sdolcinato.
Delusioni precedenti, paura di mettersi in gioco ma anche tanta voglia di amare sono le emozioni vissute dai protagonisti e che traspaiono con chiarezza dalle parole dell'autore, meritevole di riuscire a descrivere sentimenti comuni a tutti senza scadere nella banalità.
Belle le descrizioni dei paesaggi, che prendono forma nella mente di chi legge quasi come se guardasse una fotografia, con colori nitidi, rumori e profumi così vividi da sentirsi proprio lì, accanto ai protagonisti. Altrettanto accurate le caratterizzazioni dei personaggi, non solo quelli principali ma anche quelli secondari, come il marito di lei o la proprietaria del ristorante dove spesso i due si incontrano, figure non di primo piano, certo, ma con un ruolo preciso e determinante nell'intreccio e tutti fin troppo realistici, con pregi e difetti. Ecco allora Tibo, con quel suo essere sempre presente e disponibile verso tutti che nasconde però insicurezza e timidezza; ecco Agathe, desiderosa di amare ma in qualche modo frenata dagli eventi, dalle situazioni, dalla gente... fino a quando Santa Walpurnia non deciderà di intervenire, portando ad una svolta determinante.
Col suo romanzo, Nicoll ci permette di assistere alla nascita di un amore, con i suoi tormenti, le esitazioni, i sospiri, le lacrime e i sorrisi, regalandoci una storia che, mescolando realismo e fiaba, fa sognare e ci ricorda che l'amore, quello vero, supera ogni ostacolo.
(Maria Guidi)



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy