Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


MITO VIVO.IT Libro di artantropomitologia scritto per riunire menti libere e artisti
di Gianni Soletta


  • Acquista questo libro su laFeltrinelli.it
  • Acquista questo libro su Ibs.it
  • Acquista questo libro su Webster.it
  • Acquista questo libro su Amazon.it




  • Genere: Arte

    Trama:
    "Potrei dimostrare non come gli uomini pensano nei miti, ma come i miti operano nelle menti degli uomini senza che loro siano informati di questo fatto". Questa frase di Claude Lévi-Strauss è la perfetta sintesi dell'analisi sviluppata in questo libro. Ma oltre a questa peculiarità del mito, qui viene tentata la riunione delle menti libere e degli artisti che, secondo l'autore, sono fra coloro in grado di contrastare il potere dei miti. Una chiamata a raccolta concreta, perché in appendice al volume ci sono proposte operative a cui è possibile partecipare, se ci si è convinti - leggendo il libro dell'importanza di esserci.

    Commento:
    Il mito è una costante culturale che accompagna l'uomo da quando si è riunito in gruppi sociali e, ad oggi, continua ad esercitare uno straordinario fascino, conservando intatto il suo potere.
    Il libro sviluppa soprattutto questo aspetto: Gianni Soletta, infatti, cerca di analizzare quali sono i meccanismi attraverso i quali il mito opera e a quali fenomeni ha dato vita, dandone inizialmente una definizione per poi addentrarsi in uno studio approfondito sul suo rapporto con la religione e l'arte.
    Quello che però ha cercato di fare l'autore va al di là di un semplice tentativo di comprendere i risvolti sociali nati come conseguenza al mito. Egli ha scavato più a fondo e ha capito che il mito ha la straordinaria capacità di creare e controllare le nostre certezze, condizionando il conformarsi delle epoche.
    Il problema è che stiamo diventando sempre più spettatori passivi, incapaci di fare esperienze dirette e succubi del mito, quelli che Anders definisce: "un numero infinito di eremiti di massa". Soletta afferma che soltanto gli artisti - di qualsiasi tipo - e le menti libere, sono capaci di opporsi al diventare eremiti di massa, perché hanno un'arma a disposizione: il linguaggio assoluto, cioè un modo di esprimere pensieri creativi che dimostra come essi siamo individui capaci e autonomi, liberi dai linguaggi accerchianti ed accecanti dei miti del nostro tempo.
    (Benedetta Gigli)



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro della settimana

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy