Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Poesia

Trama:
"Una silloge che si anima come un mosaico. Incalzante di sensazioni e riflessioni, mai passiva, mai doma, ma che in una successione di flashback, conduce il lettore senza tregua e a ritmo serrato lungo la schermata di una memoria impietosa."

Commento:
Recensione di Rosanna Noreti

Memory non è una semplice raccolta di poesie, ma una successione incalzante di flash-back, sensazioni e riflessioni che si susseguono, a ritmo serrato, sulla schermata dell'impietosa memoria, che mette a nudo una visione disincantata e apparentemente cinica.
Un paesaggio edenico che si trasforma di botto in un incubo, una terra maledetta, da cui ci si vorrebbe allontanare alla ricerca di un luogo, in cui regni ancora il rispetto tra uomini, inquietanti personificazioni di un'imperante malvagità, dissimulata sotto la maschera di una disgustosa ipocrisia.
Forse, però, un simile desiderio è destinato a rimanere solo un'utopia, un'illusoria proiezione della fantasia, meravigliosa facoltà degli esseri umani, una sorta di sorprendente macchina del tempo, capace di abbattere le barriere del passato, per farci rivivere il lungo percorso dell'uomo, alla faticosa ricerca di una dimensione in cui collocare le proprie aspirazioni e coltivare improbabili sogni.
Nel libro si intravede la presenza di una sfumata contrapposizione chiaroscurale tra la notte, drammaticamente associata alla paura, e il giorno, in cui tutto può accadere, perché basta un attimo di un giorno, apparentemente simile a tanti altri, a cambiare una vita, che sembrava destinata a scorrere su binari sempre uguali.
L'inverno dell'isolamento e della forzata solitudine cede il posto al disgelo della primavera che lascia aperto uno spiraglio su un futuro da vivere con grintosa determinazione, con la consapevolezza amara di doversi guardare le spalle, per evitare di cadere, per l'ennesima volta, nel baratro senza fondo della paura, fredda come una notte senza stelle. In una simile prospettiva l'amore appare come un meraviglioso miraggio nel deserto dell'incertezza e della mancanza di appigli, un bellissimo miraggio che illude e poi tronca ogni speranza, con l'indifferenza di chi non concede possibilità di appello.
Lo stile è semplice e, in alcuni versi, scabro ed essenziale. La poesia diventa la voce della ribellione.
(Recensione fornita dall'autore)



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy