Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Amore e sentimenti

Trama:
Venezia. In una sera nebbiosa Emma, giovane scrittrice, incontra Jacopo, affascinante artista cieco. Lei decide di leggergli il suo primo romanzo, lui le fa conoscere il mondo dell'arte vissuto con sensi diversi dalla vista, iniziandola così ad un nuovo universo fatto di sensazioni. L'amore nasce e cresce lentamente tra i due fino a quando...

Commento:
Venezia. Emma percorre lentamente il lungo viale che divide il suo ufficio dalla fermata del vaporetto. Mentre cammina tranquilla lasciando vagare i propri pensieri e respirando l'aria fredda di fine gennaio, riposa finalmente gli occhi stanchi dopo una giornata di pesante lavoro. Improvvisamente avverte - ovattati dalla fitta nebbia che tutto avvolge - dei passi proprio di fronte a sé e, subito dopo, vede emergere come per magia le figure distinte di un uomo e del suo cane.
Il motivo per cui quando accadono incontri del genere molti siano indotti a pensare sempre a coincidenze, ovvero a concomitanze fortuite di due fatti, non è chiaro. Sarebbe forse più interessante pensare che ci siano forze fisiche attrattive invisibili e delle quali non si è consapevoli, ma che conducono in direzioni naturali.
Ed è proprio così, forse, che Emma incontra Jacopo, l'uomo del quale senza ancora saperlo si innamorerà: un artista non vedente di qualche anno più vecchio di lei. Quello che nascerà a poco a poco fra i due sarà un legame, se possibile, ancor più profondo dell'amore, fatto di compassione e condivisione, di complicità e di sostegno reciproco. Fino all'epilogo, inaspettato, sconcertante...
Rossella Scatamburlo, esordiente con il romanzo Ai piedi del David edito da Albatros, ci propone una storia d'amore dalle tinte pastello, introducendoci in un mondo "diverso", fatto di emozioni e di sensazioni che vanno al di là del primo impatto visivo.
Jacopo, da quando era diventato cieco, aveva lentamente affinato la capacità di capire le persone, di percepire quelle che lui chiamava vibrazioni che ogni persona emette. Era certo che il corpo di ogni essere umano trasmettesse dei segnali visivi, olfattivi, tattili e uditivi. Non gli era più possibile percepire i primi, ma forse questo era un vantaggio... La vista tende a sopraffare gli altri sensi e il cervello si lascia guidare da una prima sensazione, puramente estetica, per emettere un giudizio senza consultare gli altri sensi.

Jacopo apre così ad Emma le porte di un mondo prima non conosciuto, che non è avvolto dalle tenebre ma dalla luce dell'amore per le piccole cose, che sono quelle che rendono la nostra vita speciale. Emma imparerà a non fermarsi alle apparenze; ad aprire il proprio cuore a compassione e comprensione; ad affrontare le difficoltà della vita - che si presenteranno per lei inaspettate e dolorose - con dignità e onore; a considerare gli ostacoli non come pietre d'inciampo, ma come trampolini di lancio per elevarsi.
La storia di Emma e Jacopo invita tutti noi a vivere intensamente ogni istante della vita come se fosse l'ultimo, senza chiudere il nostro cuore alle novità e impedendo alla paura di avvolgerci nell'oscurità.
Lo stile semplice, tuttavia mai banale e ricco di spunti di riflessione, offre la possibilità di trascorrere qualche ora immersi in una lettura sicuramente piacevole.
(Raffaella Galluzzi)



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy