Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Biografie/Storie vere

Trama:
In questa "narrazione in fogli sparsi" l'autrice racconta i movimenti del pensiero, della memoria e della vita partendo dai suoi "anni in più". Il vissuto lavorativo e di ricerca a contatto con le altre e la sua esperienza di mamma e di nonna vengono intessuti in una trama disegnata dal tempo per continuare a riflettere insieme, con vera autenticità. Marina Piazza riattraversa con uno sguardo critico e interpretativo situazioni, sentimenti, incontri che hanno rappresentato momenti di crescita, di confronto e anche di conflitto. Non si tratta, tuttavia, di una prospettiva esclusivamente autobiografica: la riflessione su di sé porta l'autrice a considerazioni generali e generalizzabili, che danno il senso al fare di una generazione e di un universo femminile sempre alle prese con un mondo in continua trasformazione. Nel testo finiscono così per alternarsi narrazioni, parti saggistiche e pagine di diario, in un intreccio e in un ritmo serrati.

Commento:
L'autrice, con una scrittura ricercata eppure semplice e diretta, ci porta in un viaggio fatto di esperienze personali. Punti di vista, sensazioni, ricordi e situazioni mescolate tra un racconto autobiografico e una rappresentazione reale del mondo femminile. Un po' saggio e un po' diario personale, sembra di entrare nel soggiorno dell'autrice e sentirsi raccontare da lei questo viaggio.
Non è certamente un libro da prendere a cuor leggero, bisogna trattarlo con serietà e profonda comprensione, perché non è il classico romanzo che parla di ribellione femminile, ma è il racconto della sua ribellione. Un bilancio di quel che si è avuto e di quel che si è perso.
A parte il vasto curriculum, emerge anche la grande capacità della Piazza di catturare il lettore, di entrare lentamente, in punta di piedi, nella sua anima e di coinvolgerlo nelle sue gioie, di fargli comprendere quelli che sono i vari stadi di una vita.
L'età in più ci regala un'attenta riflessione sulla vecchiaia, un intenso quadro che, con tinte dolci, porta a farsi delle domande sulla vita e sulla morte.
Sullo sfondo c'è la storia degli ultimi settant'anni d'Italia, i bombardamenti della seconda guerra mondiale, le ribellioni del '68, quando si guardava alla Cina come grande Nazione maestra di una concezione comunitaria del comunismo. Gli scontri di piazza, la politica vissuta non in prima persona ma da comparsa, sempre dietro le quinte, un lavoro per rendere reale il concetto di Pari Opportunità.
L'autrice ha la grande capacità di creare, con ciò che scrive, immagini dettagliate di quella che è stata la sua vita: piena e intensa, fatta di grandi vittorie e grandi sconfitte, con al centro di tutto il suo essere donna, essere madre, essere nonna ma, soprattutto, essere tutte queste tre figure e avere anche una carriera lavorativa. In alcuni passaggi la narrazione diventa un po' logorroica e troppo esplicativa, condensa inoltre, in poche pagine, continui accenni ad altri scrittori, di certo complementari e fondamentali per la comprensione del suo messaggio, ma un po' troppo numerosi.
In ogni caso, si tratta di un libro sicuramente interessante, consigliato a tutte le donne che si trovano ad affrontare sia la vita lavorativa che quella familiare.
(Daniela Grigetti)



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy