Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Mistery

Trama:
Montebuio è un piccolo paese a novecento metri di altitudine sull'Appennino Ligure. Trentadue abitanti che si conoscono da sempre. E, per qualche motivo incomprensibile, trentadue da sempre. Una minuscola comunità, all'apparenza tranquilla.
Dopo una stranissima estate, quella del 1962, che lascia ancora dietro sé misteri non spiegati, i tre bambini protagonisti - la voce narrante Lisetta, l'irritabile Ettore e il pauroso Santino - ricominciano la vita di sempre: scuola, giochi in piazza, missioni esplorative nei dintorni di Montebuio. Ma quello che vivono non è un autunno come tutti gli altri. Perché, a partire da sabato 20 ottobre, le giornate dei ragazzini iniziano a essere scandite da terribili telegiornali, da gravi notizie provenienti dall'altra parte del pianeta, dal silenzio tetro degli adulti e da false rassicurazioni.
Il trio sente parlare di missili, di ordigni, di America, Russia e Cuba, di capitalisti e comunisti. Notizie di distruzione e di morte, minacce dello scoppio imminente di un conflitto mondiale.
Ma non è solo questo clima di paura che devono affrontare i tre amici. Cose ben più strane e terrificanti accadranno nel paese. Perché la paura, al suo picco, è in grado di materializzare i terrori del mondo. Quello esterno e quello interno. E i missili voleranno in direzione di Montebuio. E con loro altre cose che nessuno mai dovrebbe vedere.

Commento:
Ennesima conferma per Danilo Arona e libro d'esordio per la giovanissima Micol Des Gouges, L'autunno di Montebuio è un romanzo bellissimo e tremendo. Bellissimo, per la grande capacità narrativa dimostrata dai due autori, perfettamente fusi insieme, che hanno dato vita ad una storia ricca di suspense e mistero; tremenda, per le ataviche paure e i sentimenti di ansia e apprensione che insieme riescono a svegliare nel lettore, andando a toccare temi che, da sempre, suscitano un certo timore anche nelle persone più razionali.
La guerra e la paura dei missili; la presenza di entità misteriose e gatti parlanti; incubi che prendono improvvisamente corpo; inquietanti trasmissioni con un'origine non definita; monaci guardiani e sante paurosissime; presente, passato e futuro che si fondono... tanti sono gli elementi che compongono questo libro e, seppur la maturità della giovane protagonista - Lisi, 10 anni - sembra poco coerente con l'età anagrafica sua e dei suoi fidi amici, il risultato finale è un libro con un intreccio avvincente, che mescola fantasia e briciole di realtà che rendono tutto ancora più reale.
Come non essere d'accordo con i bambini che si chiedono perché rischiano di morire per una guerra di cui non sanno nulla? Come non comprendere quei genitori che cercano di nascondere loro cosa sta accandendo, senza rendersi conto che - così facendo - aumentano solo i timori per qualcosa che i ragazzi non capiscono e non conoscono?
Un romanzo che, attraverso le voci dei giovani protagonisti, parla della disperazione e dell'orrore che sempre la guerra porta con sé; della paura che pervade gli animi anche solo a pensare a certe eventualità; di come si possa, in modo inconscio, dar realemnte corpo ai timori che ci portiamo dentro, al solo scopo di renderli reali e quindi meno paurosi.
Un libro di difficile classificazione, ma avvincente e ricco di significati, un libro da leggere e su cui riflettere.
(Maria Guidi)



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy