Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Religione e spiritualità

Trama:
Cosa ci rende davvero vivi? E' il battito del cuore? La nostra ragione, oppure le emozioni che proviamo? Forse tutto questo non è abbastanza e bisogna cercare la risposta in una dimensione diversa. Ognuno di noi ha la possibilità di vivere in maniera piena e straordinaria, anche nelle condizioni più difficili, scoprendo ciò che ci rende veramente liberi e vincenti. Ma per fare questo bisogna essere pronti a polverizzare le regole, a ribaltare le prospettive e ad abbattere religioni, filosofie e tradizioni.
Significa scegliere di dare fiducia alla follia, per riuscire a guardare oltre i limiti del corpo e le illusioni della mente. Il serpente e la colomba ci accompagna in un cammino di profonda trasformazione personale attraverso un messaggio semplice, ma potente, capace di cambiare concretamente qualunque vita e portare in un luogo dove ogni paura svanisce. Nessuna teoria, nessun segreto; solamente la certezza di un'esperienza realmente vissuta che traccia una via alla portata di tutti.

Commento:
A Silvia, sorella e amica, nostro esempio di estremo coraggio, forza, gioia e amore che sconfigge anche la morte. Questo libro è per te.
E' con questa dedica che si apre Il serpente e la colomba ed è la storia di Silvia stessa una delle prime cose che gli autori ci raccontano, o meglio, che accennano soltanto, in modo delicato, è Silvia infatti che, col suo esempio, costituisce la scintilla di queste riflessioni. Il libro è quasi un manuale, una specie di strumento atto ad aiutare ciascuno di noi a riscoprire, dentro di sé, quella forza che consente di superare gli ostacoli e guardare sempre avanti, nonostante tutto.
La volontà e la possibilità di scegliere sono gli elementi primari su cui giocare la nostra esistenza, decidendo se vivere davvero o sopravvivvere semplicemente. Perché se è vero che, molto spesso, la vita riserva delle sorprese fin troppo sgradite, è altrettanto vero che ... è la volontà ciò che fa di ogni individuo il comandante supremo di se stesso, consentendo a ciascuno di imprimere i cambimenti voluti a quanto accade, per cercare di vivere al meglio delle proprie possibilità.
Suddiviso in diversi capitoli ricchi di citazioni e riferimenti, il libro di M. Pino e M. Buson prepara il lettore ad affrontare la battaglia, aiutandolo a forgiare la propria armatura di cui ogni pezzo ha un compito preciso, accompagnandolo nella scelta delle armi, ciascuna con un significato, perché anche proteggersi ed a volte colpire è fondamentale per la propria tutela; insegnandogli a combattere il proprio lato oscuro, che tra incertezze, sensi di colpa e disperazione è spesso uno dei peggiori nemici da affrontare, e tanto altro ancora.
L'accostamento con la battaglia ed i titoli e sottotitoli adottati possono sembrare un po' fuori luogo, eppure andando avanti nella lettura appaiono perfettamente calzanti alle parole degli autori ed alle riflessioni presenti. Se è vero inoltre che alcuni passaggi possono apparire banali o un po' scontati, è altrettanto vero che lo stile semplice e fluido adottato rende la lettura piacevolissima e ci si ritrova, in breve tempo, all'epilogo di quest'opera che non può non lasciare una traccia nel lettore, non fosse altro che per gli incitamenti positivi che regala: "La luce c'è sempre, se non la vediamo è perché siamo ancora a terra o voliamo troppo bassi".
(Maria Guidi)



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy