Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Romanzo storico

Trama:
Nella Britannia del V secolo d.C., due comandanti barbari, Hrothmund e Hryp, padre e figlio, a trenta anni di distanza l'uno dall'altro, combattono contro Publio Valerio e Tito Valerio, nonno e nipote della famiglia dei Barbati, latini custodi del segreto di una Roma incredibilmente rinata sull'isola.

Commento:
Avvincente e vivido come un film, il libro di Marco Biolchini cattura immediatamente il lettore, trasportandolo indietro nel tempo per rivivere, quasi in prima persona, quanto raccontato. Il ritorno di Roma è infatti un romanzo storico assolutamente realistico, una storia d'amore, delicata e senza eccessiva sdolcinatezza. E' un racconto epico, in cui le battaglie sono descritte con ricchezza di particolari ma senza eccessi, così da non annoiare né appesantire la narrazione. L'intreccio creato dal giovane autore ha, di fatto, il pregio di mescolare tutti gli elementi presenti in modo perfetto, senza che uno vada a discapito dell'altro e senza eccedere con i sentimentalismi né con le battaglie.
Lo stile narrativo è fluido e semplice e - per quanto la realtà storica dell'epoca sia perfettamente delineata anche negli usi e costumi - Biolchini riesce a mixare quel tanto di nozioni necessarie a seguire la trama, arricchendola ma senza diventare troppo professorale, cosicché il romanzo resta un piacevolissimo momento d'evasione e non di studio.
Centrata anche la caratterizzazione dei personaggi, da Tito a Publio passando per Arita, Rufo e gli altri personaggi minori, tutti ben calati nell'epoca storica descritta e coerenti con il modo di vivere e di pensare del periodo. Un aspetto che colpisce è l'attenzione verso valori importanti quali le promesse da mantenere, il sostegno da offrire a chi ne ha bisogno, l'amicizia, la fedeltà e l'onore. Dalle parole di Biolchini traspare in modo chiaro l'importanza che hanno per lui certi argomenti, ma traspare anche la passione per quanto descritto.
Forse è proprio dall'amore dell'autore che scaturisce questo romanzo così coinvolgente, queste pagine che regalano un affresco nitido di un passato ormai remoto, lasciando il lettore con una sorta di rimpianto per non aver più modo di seguire Tito e i suoi amici, una volta giunti alla parole Fine.
(Maria Guidi)



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy