Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Per bambini

Trama:
Un pesciolino nero decide di lasciare i confini conosciuti del piccolo torrente dove è nato per avventurarsi verso il mare. Tuffandosi in una cascata, il pesciolino raggiunge il fiume e comincia a navigare. Lungo il viaggio incontra personaggi sempre più interessanti, fra cui una lucertola amichevole, un granchio borioso, il temutissimo e insidioso pellicano. Con saggezza e il coraggio, il pescetto va lontano; durante il suo viaggio, diventa una leggenda.

Commento:
In questo momento la morte può prendermi facilmente, ma devo vivere finché posso, non devo andare verso la morte. Però, se un giorno per forza dovrò incontrarla - come la incontrerò, non importa quando - ciò che conta è l'effetto che la mia vita e la mia morte possono avere sulla vita degli altri.
Pubblicato per la prima volta nel 1968, Il Pesciolino Nero non è solo una bellissima fiaba per incantare i bambini, ma è anche una lettura moderna, che tratta temi quanto mai attuali, adatta ad un lettore più maturo.
Il piccolo pesce protagonista del racconto - in questa edizione tradotto da Mokhtar Azizi - abbandona il microcosmo del ruscello in cui vive con la sua mamma perché spinto dalla curiosità e dalla voglia di conoscere il mondo: la vita cosa significa veramente? Vuol forse dire stare sempre nello stesso posto, andare avanti e indietro finché non sei vecchio, è tutto qua? Oppure, si può vivere nel mondo anche in un altro modo?
No, lui non se ne può stare a girare tutta la vita nella sua piccola pozza, deve sapere, deve conoscere cosa c'è oltre.
Il viaggio intrapreso lo porterà in mondi sconosciuti, affascinanti e terribili al tempo stesso, dove ci sono esseri diversi da lui belli anche loro per come sono. Imparerà compassione e condivisione, conoscerà la paura ed il coraggio di superarla.
Una storia metafora della vita, di una vita particolarmente problematica e complessa, quella vissuta nell'Iran moderno. Una storia che, forse, ha infastidito e preoccupato qualcuno. Non se ne ha la certezza, di certa c'è sola la morte prematura dell'autore ritrovato (stranamente, a pochi mesi dall'uscita di questo che è stato il suo ultimo libro) morto annegato nel fiume Arasse in Azerbaigian.
Una breve storia, ricca di insegnamenti e spunti di riflessione, che può essere l'occasione per scoprire questo giovane autore, militante socialista, che ha trascorso gran parte della vita nell'insegnamento nelle scuole dell'Azerbaigian e nel far conoscere povertà ed ingiustizie sociali del suo Paese.
Un libro da regalare e da far leggere.
(Raffaella Galluzzi)



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy