Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Fantasy

Trama:
Sono passati tre anni da quando Eva ha lasciato Verona per trasferirsi in Scozia. Tre anni che hanno portato molti cambiamenti nella vita della ragazza: un nuovo paese in cui vivere, la realizzazione di un sogno, diventare una scrittrice, la consapevolezza di essere una strega Wicca, raggiunta anche grazie all'aiuto delle sue quattro amiche, dotate come lei di poteri magici che le uniscono indissolubilmente alla Natura; e infine, soprattutto, l'incontro con Christopher, un affascinante pianista che conquista subito il suo cuore.
Negli ultimi tempi però l'armonia da poco raggiunta sembra in pericolo: i frequenti litigi col fidanzato, dovuti il più delle volte al suo desiderio di sposarla, sembrano incrinare il loro rapporto. Se il sogno di molte ragazze è infatti quello di celebrare delle nozze in grande stile, Eva, forse a causa del suo vissuto, sembra riluttante all'idea del matrimonio, un'istituzione troppo tradizionale per un'anticonformista come lei. In aggiunta le crisi che stanno attraversando le sue amiche - chi alle prese con neonati, chi con matrimoni infelici e nuovi amori - stanno minando l'unità del gruppo.

Commento:
Secondo capitolo della saga, in questo nuovo romanzo ritroviamo le principali caratteristiche già presenti nel precedente: la scrittura sotto forma di diario ovviamente; l'ambientazione moderna della vicenda ben mescolata alle antiche leggende ed al fascino della Scozia; l'alternanza di eventi ordinari e rituali magici che ci mostrano, a volte, delle giovani donne alle prese con la quotidianità (amore, lavoro, casa, figli, ecc.), altre volte delle streghe alle prese con eventi misteriosi e apparentemente inspiegabili.
Più snello e scorrevole del primo, Il giorno del giudizio è anche più avvincente e, sebbene lo stile sia sempre piuttosto semplice e presenti diversi refusi, si nota una maggiore maturità nella scrittura dell'autrice, che riesce a coinvolgere maggiormente il lettore, trascinandolo nella storia e rendendolo più partecipe degli eventi. Anche alcune caratteristiche che rendevano i personaggi un po' eccesivi nel primo capitolo, sono sparite, rendendo tutto l'insieme più interessante e credibile.
La Tagliaferro, attraverso le parole di Eva, pone l'accento su alcuni temi molto importanti, quali l'inutilità delle guerre, che non possono mai essere considerate un mezzo per raggiungere la pace; sulla violenza sulle donne, che avviene spesso tra le mura domestiche rendendole, invece di un luogo sicuro, un posto che nasconde dolore e paura; sull'aborto, perché "impedire ad una vita di nascere, equivale ad uccidere" e altro ancora.
A questi temi scottanti si affiancano poi le belle descrizioni, ricche di informazioni storiche e naturalistiche, che rendono la narrazione particolarmente vivida e ricca di fascino.
Un fantasy piacevole, che scorre via in modo veloce e fluido.
(Maria Guidi)

Dello stesso autore:
Il diario di Eva I. L'antica leggenda celtica



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy