Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Thriller

Trama:
"Scopri chi mi ha incastrato e ti dirò tutto quello che so sulla morte di tuo figlio": questa la telefonata che riaccende la speranza in Henning Juul, il cane sciolto della redazione online di 123news, che insegue la verità più della notizia e non scende a patti che con la sua coscienza. Sono passati due anni dall'incendio che gli ha sfregiato il volto e portato via il piccolo Jonas, e che la polizia ha archiviato troppo in fretta come un incidente. Quella notte Henning ha perso una parte di sé che continua a pulsargli dentro come un dolore fantasma, e solo ora le sue vane indagini trovano aiuto in Tore Pulli, noto businessman con un passato criminale e ingiustamente condannato per omicidio.
Entrambi vittime di una trappola perfetta e abbandonati dalla legge, giornalista ed ex gangster si ritrovano uniti in una lotta contro il tempo e contro ogni apparenza in nome della verità. Ma in che modo Tore Pulli può essere legato al misterioso incendio? Tra veleni colombiani e miti nordici, musica rock e gang di immigrati svedesi, Thomas Enger tinge di nero una Oslo inondata dalla luce calda di fine estate con un nuovo thriller che esplora i diversi volti della sua città, addentrandosi nel retroterra umano dei delitti come negli interrogativi della coscienza.

Commento:
Thomas Enger - musicista, scrittore e giornalista norvegese - con Dolore fantasma regala ai lettori il secondo capitolo della fortunata serie che vede per protagonista Henning Juul, giornalista della testata on line 123news pronto a infilarsi nei peggiori guai, pur di raccontare sempre la verità.
Del primo libro di Enger, Morte apparente, sono già stati venduti i diritti cinematografici ed è facile immaginare che sarà così anche per questo romanzo e per quelli che seguiranno, visto che si tratta di thriller ad alta tensione, con uno stile narrativo avvincente e un ritmo elevato dalla prima all'ultima riga.
Dolore fantasma: dolore percepito da un "arto fantasma", cioè una parte del corpo persa per amputazione o le cui terminazioni nervose non funzionano più regolarmente. Il dolore è quindi fittizio, causato da "messaggi errati" inviati dal sistema nervoso.
1Con queste parole si apre il libro, con questo dolore convive Henning Juul che, nonostante il tempo trascorso dalla morte del piccolo Jonas, continua ad essere tormentato dagli incubi e dal bisogno di scoprire la verità. Improvvisamente, una nuova traccia sembra ridargli speranza, ma è davvero il caso di fidarsi Tore Pulli? Come può sapere qualcosa di quanto è accaduto? Tra quel che Henning non ricorda, c'è forse un dettaglio importante sepolto?
Per quanto flebile sia la speranza datagli, il giornalista non potrà che accettare, facendosi coinvolgere in indagini che metteranno in pericolo la sua stessa vita. L'intreccio scorre via veloce, tra le domande di Henning ed i tormenti di Thorleif, tra le manovre oscure di Mjones e di altri personaggi che tramano nell'ombra.
Un libro pieno di suspense che porta il lettore nei meandri dell'affascinante Oslo e della variegata umanità che la abita, spostandosi tra studi televisi e palestre nel tentativo di trovare qualche risposta ai tanti enigmi aperti.
Una storia davvero intrigante, dove ogni dettaglio, ogni personaggio all'apparenza casuale ha, in realtà, un ruolo preciso; dove nulla è lasciato al caso e che fa sperare al lettore di avere tra le mani, al più presto, il terzo romanzo della serie.
(Maria Guidi)

Dello stesso autore:
Morte apparente



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy