Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Horror

Trama:
Quando tutto iniziò, fu inevitabilmente il caos. I morti risorsero e attaccarono i vivi, diffondendo con un solo morso il contagio. L'umanità non riuscì neanche a immaginare l'enormità della catastrofe che stava vivendo. Prima di riuscire a comprendere che i risorti dovevano essere immediatamente abbattuti, oltre tre quarti della popolazione mondiale era già stata contagiata. I morti viventi avevano invaso il pianeta e la pandemia dilagava inarrestabile.
Oggi tutte le Autorità mondiali sono incapaci di reagire, annichilite dal caos e dall'orrore che devasta i continenti. E' l'apocalisse! Ma in Italia, in una piccola provincia del Lazio, un manipolo di Carabinieri resiste e sferra un attacco impetuoso e folle alla morte che cammina. Li comanda il Colonnello Furia, un ufficiale controverso, violento e amorale, determinato a fare di tutto pur di far sopravvivere l'umanità... anche a costo di perderla del tutto.

Commento:
Trattandosi di un diario (di pura fantasia, per fortuna!), Nicola Furia, autore del romanzo, ne è anche il protagonista, colui che, in prima persona, racconta i tragici eventi che sconvolgono il mondo che conosciamo.
Un romanzo decisamente duro, non solo per l'aspetto horror e la presenza degli zombie che distruggeranno quella realtà che oggi diamo per scontata, quanto per la crudeltà, il cinismo e la totale soppressione di ogni sentimento ed emozione cui saranno costretti a sottoporsi gli uomini, per potersi salvare e cercare di sopravvivere in una situazione così drammatica come quella descritta.
Il Tenente Colonnello Furia racconta, con una grande attenzione per i dettagli, tutto quel che accade, da come si è sviluppato il contagio alle azioni adottate per organizzare la resistenza, passando per le tecniche di sopravvivenza e di sgozzamento (anche quelle, si!), descrivendo i sistemi adottati per creare un rifugio sicuro e riorganizzare un minimo di società civile nell'inferno che lo circonda.
Furia elenca passo passo le azioni svolte, gli omicidi a sangue freddo necessari a preservare l'incolumità dei sopravvissuti (ma erano davvero così necessari?) e le missioni per rifornirsi di beni di prima necessità, le operazioni di salvataggio e le visite corporali per verificare la presenza di ferite e morsi che potrebbero trasformare anche l'amico più caro in un nuovo zombie da eliminare, il tutto senza apparenti rimorsi e senza cercare comprensione né giustificazioni.
Un romanzo che sarà di certo apprezzato dagli appassionati di genere horror e che, tra una missione e l'altra, lancia anche qualche frecciatina niente affatto velata ai grandi problemi della società odierna: la corruzione, l'insabbiamento degli scandali per convenienza, il guardare solo ai proprio interessi... ed è in virtù di questi problemi che il protagonista, dopo le innumerevoli battaglie in cui si è lanciato anima e corpo, trascina il lettore di fronte ad un epilogo inatteso, che lancia un messaggio forte e d'impatto.
Il ritmo è fluido e scorrevole e le saltuarie conversazioni in chat di giovani sopravvissuti danno un tocco di realismo al tutto, anche se la freddezza di cui si sono ammantati i personaggi sembra quasi trasudare anche dalle pagine, con una narrazione che appare a volte troppo asettica per gli eventi descritti. Non manca qualche ingenuità nell'intreccio ma, nel complesso, Diario di guerra contro gli zombie è un romanzo che si fa leggere più che bene, per l'idea che il protagonista sia anche l'autore, per la cura dei dettagli che rendono realistico l'intreccio nonostante gli zombie e per i riferimenti a una società in cui è facile, purtroppo, riconoscere la nostra.
(Maria Guidi)

Dello stesso autore:
Il circo delle pecore



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy