Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


COSA FARE DELLE NOSTRE FERITE? La fiducia e l'accettazione dell'altro
di Michela Marzano


  • Acquista questo libro su laFeltrinelli.it
  • Acquista questo libro su Ibs.it
  • Acquista questo libro su Webster.it
  • Acquista questo libro su Amazon




  • Genere: Saggi

    Trama:
    Questo libro affronta un tema particolarmente spinoso ai nostri giorni: la trappola in cui moltissime persone si impigliano ascoltando le sirene di una società che propone e impone un modello di individuo costantemente capace di esercitare controllo e padronanza. Le nostre ferite - le faglie, le fratture, le mancanze del nostro essere - vengono messe al bando e spesso ci rassegniamo a considerarle gravi errori e a trattarle come pattume che finiamo per nascondere sotto il tappeto della nostra consapevolezza. Capita così di produrre un corto circuito fra la nostra parte "accettabile" e quella parte di noi che è fragile, spaventata e per ciò stesso "impresentabile", sfoderando agli occhi del mondo e ai nostri stessi occhi un'autonomia posticcia che non solo ci dissocia ma ci impedisce persino di accettare gli altri, come noi abitati da debolezze e imperfezioni, in una spirale di proiezioni che ci lasciano sempre più soli e ciechi rispetto alle occasioni di creare legami autentici. È indispensabile fare i conti con le proprie fragilità. La fiducia ci espone al rischio del tradimento, ma se non si accetta di correre questo rischio si resta murati nei ruoli dello spettatore e dell'antagonista. Vivere sul serio la propria vita è molto più di questo.

    Commento:
    La nostra è diventata ormai una società della performance, della prestazione perfetta in tutti i campi, in cui tutto deve essere sotto controllo. Si deve riuscire nella vita esattamente come si riesce a fare una dieta. Si deve riuscire con i figli proprio come si riesce ad organizzare una vacanza. Si deve riuscire nella coppia come si riesce a cucinare una salsa... Se una persona si pone le domande giuste, e segue le giuste regole, il risultato è scontato... se fallite una dieta o se il vostro compagno o la vostra compagna vi lascia, è soltanto colpa vostra... Non siete stati all'altezza. Non avete saputo gestire la situazione. In questa società ossessionata dal mito del controllo, non c'è spazio alcuno per la fragilità e le debolezze umane.
    Michela Marzano, invece, ne fa proprio il punto di partenza per intraprendere un cammino di conoscenza e di lavoro interiore che porta alla fiducia e all'accettazione dell'altro. L'autrice prende spunto dalle sue personali ferite e dall'esperienza dell'anoressia per scrivere questo breve saggio ricco di spunti di riflessione e di approfondimento. E' solo quando ho iniziato ad accettarmi per quella che sono - scrive la Marzano - con le mie debolezze e le mie imperfezioni, che ho potuto cominciare finalmente a vivere. Le nostre ferite devono essere trasformate in punto di forza, in ciò che permette alla fiducia reciproca di manifestarsi e di creare un legame con gli altri. Vincere la paura, non solo dell'Altro, che ci turba perché ci costringe a confrontarci con la differenza, ma superare anche la paura di ciò che emerge pian piano all'interno di sé, quando si cresce, e che ci svela "altro" rispetto a ciò a cui siamo abituati; bisogna accettare sé stessi per poter accettare gli altri.
    In questo libro non troverete certo ricette magiche e regole da seguire per rivoluzionare la vostra vita, ma ricchi spunti di riflessione per riuscire a riappropriarvi della vostra esistenza nel rispetto di sé stessi e degli altri. Non è un percorso facile, ma intraprendibile da tutti. Ciò richiede in pari tempo umiltà e coraggio. Essere aperti alle idee degli altri e cercare di comprendere il loro punto di vista significa in effetti porsi subito in un atteggiamento di rispetto: ascolto quel che l'altro ha da dire rispetto a un determinato argomento e mi prendo il tempo per riflettere, soprattutto se, all'inizio, non sono d'accordo con lui. E' il tempo dell'apertura all'altro, e più in generale alla differenza e all'alterità. Un tempo che tutti noi dovremmo riscoprire per vivere appieno la nostra vita.
    (Raffaella Galluzzi)

    Della stessa autrice:
    Gli assassini del pensiero



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro della settimana

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy