Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Narrativa

Trama:
Un modo di approcciarsi alla vita divertente e sfacciato. Questo è "Anima d'asfalto", raccolta di racconti on the road di Magno. Brevi storie della vita sgangherata di un rocker alle prese con bollette, multe da pagare e donne da rincorrere. Metà centauro, metà rockstar, Magno ti permetterà di farsi conoscere in sella alla sua amata Harley in giro per la campagna emiliana; durante un concerto di David Bowie o alle prese con le corde della sua chitarra; intento a sedurre qualche bella donna o, semplicemente, seduto al tavolino di un bar a fumarsi una sigaretta. Come dice Magno: "le cose grandiose si manifestano nelle piccole cose"; seguitelo tra perle di saggezza, ma non troppo, e storie verissime ma al limite della realtà per scoprire che ciò che più conta è saper ridere di se stessi.

Commento:
Un libro che parte in sordina questo di Magno e che, seppur simpatico e scorrevole fin dalle prime righe, si rischia di classificare come un semplice romanzo ricco di humor e poco più. Andando avanti però, se è vero che ironia ed allegria permangono, è altrettanto vero che il libro acquista spessore, con capitoli che si rivelano toccanti e quasi poetici.
Anima d'asfalto è una sorta di diario dei ricordi, pagine attraverso cui Magno rievoca la propria vita a sprazzi, saltando da un anno all'altro con brevi capitoli, ognuno dedicato a una particolare vicenda. Sono pagine veloci e fresche che, come in puzzle, tessera dopo tessera, mostrano la vita di Davide, in una sorta di scanzonata autobiografia. Ma protagonista e autore coincidono davvero? Dove finisce la realtà e inizia la fantasia? Al lettore provare a scoprirlo!
Intanto, tra un'udienza davanti al giudice e un diploma tardivo, tra un San Valentino davvero particolare e un'esibizione con la sua band, Magno ci parla di amicizia, quella vera, per ricordarci che: "... il vero San Valentino è ogni giorno nell'anima di chi ti pensa, esorcizzando la tua solitudine, non in chi ti telefona all'ultimo perché è solo, chiedendoti miracoli senza cuore". Ci parla poi della perdita della madre, con parole toccanti e intense, ma ci fa conoscere anche il padre, forse burbero e poco abituato alle "smancerie", ma sempre presente. Pagina dopo pagina, troviamo anche l'amore e il sesso, la critica verso la caccia e quella verso una società sempre più ipocrita e perbenista, ci sono le follie fatte con gli amici, i ricordi della prima volta e quelli di tanti altri eventi, episodi piccoli e grandi che accompagnano ciascuno di noi, quotidianamente.
Un libro davvero bello, divertente e allo stesso tempo profondo, scritto con un linguaggio decisamente in tema con lo stile del romanzo e ricco di belle descrizioni (notevole, tanto per citarne una, quella dell'uomo con la tuta blu, presente nel capitolo Un viaggio inconsueto). Davvero molto carino.
(Maria Guidi)



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy