Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Narrativa

Trama:
In un'afosa notte di giugno un giovane di neanche trentanni si sveglia, si alza dal letto nel quale giace una ragazza che non ama ed esce sul terrazzino a fumare. Ripensa a Vittorio, intellettuale cinquantenne, uomo curioso e rigoroso, amabile e solitario, morto un mese prima: un tumore al cervello gli ha mangiato il corpo, la libertà, la parola. Il giovane era diventato, non per obbligo scolastico ma per elezione, il suo allievo. Quasi il figlio adottivo. E la morte del padre adottivo ha fatto coagulare in lui le sostanze più preziose dell'insegnamento ricevuto: la passione argomentativa, la disponibilità, il sentimento di essere custode di un bene. Questo si racconta in Piccolo testamento, romanzo intessuto di esperienza vera. La storia di un'educazione, di una perdita e di un'eredità. Una storia molto personale, certo, ma anche un capitolo di storia di questa Italia che va in disfacimento, e forse morirà, senza lasciare ai propri figli un'eredità precisa: un'educazione al lavoro del pensiero, un gusto per la bellezza, un desiderio di nitidezza, una capacità di dire sì e di dire no. Il giovane è uno di quei figli d'Italia che, grazie al gioco del caso e al proprio merito, quell'eredità è riuscito a conquistarsela, accettando insieme la responsabilità che ne consegue.

Commento:
Il ricordo è il protagonista di questo romanzo intessuto di esperienza vera, che narra la storia di una grande amicizia, di insegnamenti di vita, dell'ineluttabilità della morte e di eredità di valori.
Piccolo testamento sfiora argomenti che abbracciano la storia del nostro Paese, parla di ricchezze che purtroppo stanno scomparendo: il gusto per la bellezza, l'educazione al lavoro del pensiero, la capacità di scegliere, la fede...
La vita come incognita e la malattia che consumerà Vittorio daranno all'Io narrante lo spunto per un'analisi che va al di là dell'esperienza vissuta e che conferirà al romanzo concretezza e spiritualità, interruzione e rinascita.
La trama rimane, purtroppo, piuttosto carente, scarna e poco avvincente anche se il linguaggio chiaro e puntuale dell'autore e l'insolita capacità e precisione dimostrata nell'analisi di fatti ed emozioni, rendono comunque il libro una lettura facile e veloce.
(D.R.)



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy