Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


LETTERA D'AMORE A BERTRAND CANTAT
di Francesca Mazzucato


  • Acquista questo libro su laFeltrinelli.it
  • Acquista questo libro su Webster.it




  • Genere: Narrativa

    Trama:
    Bertrand Cantat è il cantate e paroliere del gruppo francese dei Noir Désir, figura tragica di dannato del rock. Questo romanzo, dalla costruzione originalissima e sensuale, è liberamente ispirato alla sua figura, elaborata, rivista e inserita in un sobborgo urbano popolato da strane figure legate fra loro da enigmi, disperazioni, perdite, misteri e legami di solidarietà "fra perdenti". La vicenda, costellata di riferimenti ai noti fatti di cronaca che hanno coinvolto il cantante, diventa narrazione immaginaria e lisergica attraverso un linguaggio elaborato e toccante. Le speranze e i demoni del contemporaneo si tramutano in inquietanti feticci, visioni strane, figure in silenzioso agguato che contribuiscono alla tessitura di questo singolare, anomalo, appassionato romanzo più simile a un film in 3 D che a un libro classico, con pagine che riescono a trasformarsi in pixel e musica, rendendo quasi impossibile sospendere la lettura, fino alla fine della storia e all'attualissimo epilogo. Un protagonista reinterpretato, con amore viscerale, onesto e carnale, senza riserve, a rischio di polemiche, da Francesca Mazzucato

    Commento:
    La Mazzucato, prolifica autrice i cui interessi spaziano dai viaggi all'erotismo, passando per arte e costume, stavolta mette a nudo forse la parte più intima di sé, quella dei sentimenti, con un libro che è una lunga lettera d'amore verso il cantante dei Noir Désir, Bertrand Cantat.
    Un amore vero, quello descritto dalle sue parole, espresso con l'intensità che sempre la contraddistingue e che rende queste pagine quasi un diario privato, in un'alternanza di immagini e pensieri che passano dal cantante all'autrice stessa.
    I drammatici eventi della vita di Bertrand, le sue vicende giudiziarie, l'amore totalizzante per Marie e la sofferenza per la sua perdita, il suicidio di Kristina e tutti gli altri avvenimenti che ne hanno avvelenato l'esistenza, compaiono quasi inaspettati tra le parole d'amore e i sospiri, infilati tra una giornata al Coma Hotel e un pensiero di Francesca, ed intervallati da brevi flash sugli altri "scorticati", coloro cui Bertrand dedicava la sua musica. Questi eventi, quelli dei giorni peggiori, sono descritti in modo quasi asettico, senza farsi condizionare dall'amore ma anche senza pregiudizi, mai con la voglia di giudicare. Quel che traspare è, forse, la rabbia verso coloro che - pur non conoscendo lui né gli eventi nella loro interezza - si arrogano il diritto di giudicare, senza pensare che, con Marie, quella notte anche una parte di Bertrand è morta.
    Un libro intenso e toccante, una lettera d'amore che lega due anime affini legate dallo stesso sentire.
    (Maria Guidi)

    Della stessa autrice:
    Il corpo infranto
    Lo svizzero
    Romanza di Zurigo



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro della settimana

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy