Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Narrativa

Trama:
Figlio di un pezzo grosso della politica italiana, Santo Bustarelli ha il destino segnato: sarà ancora più potente del padre. Non mira però a diventare ministro o presidente del consiglio, vuole di più, vuole il potere dei poteri. Vuole ascendere al soglio di Pietro, essere papa, disporre dei beni della Chiesa e delle anime dei fedeli. Una volta ordinato sacerdote, Santo dispiega metodi di propaganda inauditi. Apre le prime discoteche cristiane al mondo e le sue prediche in diretta televisiva hanno un seguito oceanico. Allo stesso tempo stringe sotterranei accordi con la mafia e con i produttori di armi, controlla i traffici di droga e addestra un esercito di diseredati pronti a scatenare per lui l'Apocalisse. All'apparenza è un moralizzatore, in realtà è un individuo abbietto che brucia le tappe della carriera ecclesiastica partendo da Chiavari, in Liguria, per arrivare in Vaticano. Dove il vecchio papa comincia a tremare. "L'onnipotente" è un romanzo intenso e scandaloso scritto senza mezze misure. Un assalto scagliato contro chi ha dimenticato che al centro della Chiesa deve stare la fede e non le cose del mondo. Ma anche, e soprattutto, una rappresentazione di cosa accade quando il potere mira solo al suo accrescimento. Si tratta di una fame pericolosa, che è il marchio dei nostri anni.

Commento:
"I cristiani io li conosco bene. Loro si, che sono i peggiori. Voi rubate, uccidete, spacciate, violentate. Ma lo fate alla luce del sole. Loro sono uguali a voi, ma nascondono tutto. Proteggono la loro vera natura mandando avanti a rappresentarti il loro sosia: la morale. Fare la morale, ecco la loro maschera". Parole che entrano nella testa con prepotenza, lasciando una sensazione di disagio e di inquietudine: questo è L'onnipotente, romanzo dal tono crudo e diretto, che non prevede mezze misure.
Il protagonista, Santo Bustarelli è un personaggio che si dipinge di colori primari come un moralizzatore dei costumi, come l'aria fresca della salvezza. E invece ha dietro, al fianco e tutto intorno malavitosi, sicari, produttori di armi, depravati. La sua condotta ci indigna, ma, allo stesso tempo, ci cattura, perché ci sentiamo attratti dalla sua mentalità oscura e perversa e siamo curiosi di sapere fin dove possa arrivare.
Lo stile di Vaccari descrive bene questo personaggio contorto, che riesce a giostrare il male a suo favore grazie anche all'aiuto del padre, pezzo grosso della politica italiana, Salvatore Bustarelli. I due conducono la propria vita con l'obiettivo unico di accrescere il loro potere e ci colpisce come, nel fare ciò, siano molto scaltri e accorti: lucidatisi con una patina di morale, si presentano come la via del bene e della verità, tanto da far pensare a noi che li ascoltiamo, che meno male c'è la famiglia Bustarelli, sia il padre che il figlio, che loro sì che ci tengono davvero, e non solo a parole, a quella cosa che ci accomuna tutti e che, in teoria, a tutti dovrebbe stare più a cuore del resto. Quel principio della cui importanza gli altri che tirano le fila lassù sembrano essersi scordati: il bene dell'Italia.
(Benedetta Gigli)



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy