Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Mistery

Trama:
Il crollo d'una parete nelle Catacombe cappuccine di Palermo svela una vecchia Bibbia, testa di ponte di un pellegrinaggio che porterà ad un segreto insospettabile. Cos'è il GRIV? Servizi segreti ispirati dalle previsioni catastrofiche di Al Gore e di buona parte della scienza contemporanea. Qual è il suo obbiettivo? Salvaguardare la Terra ad ogni costo. Un protagonista fobico e musicopatico; un'equipe di professionisti a spasso per la storia e, sullo sfondo, lo spionaggio ai massimi livelli.
L'eredità di Iside mette insieme mistery, noïr e avventura. Una caleidoscopica narrazione attraverso mezzo mondo; attraverso guerre e civiltà pregresse. Cosa muoveva il vecchio frate vissuto a cavallo di tre secoli? Qualcuno cercherà di scoprirlo, passando da un'investigazione sincopata e da una tecnica narrativa assolutamente graffiante.

Commento:
Un romanzo di difficile classificazione quello di Gioè, che si distingue dagli altri fin dalla prefazione - ironica ed a tratti surreale, come l'intero libro - curata dallo stesso autore.
L'eredità di Iside ha un intreccio avvincente e davvero ben strutturato, il cui genere spazia dal noir allo spionaggio, dal giallo al mistery, toccando anche l'avventura, il sentimento ed il romanzo storico e fondendo - in modo intricato eppure lineare - eventi storici e vicende nate dalla fervida fantasia dell'autore. Se la frase "intricato eppure lineare" può sembrare un ossimoro, in questo caso la spiegazione è semplice: la vicenda che Gioè racconta ha una trama molto complessa, in cui gli eventi si susseguono senza sosta ed i cui molteplici protagonisti agiscono su più fronti, in luoghi e situazioni differenti che inizialmente possono confondere un po' le idee; allo stesso tempo però appare lineare perché, ad un certo punto, tutti i fili che la compongono iniziano a ricongiungersi, mostrando agli occhi del lettore un intreccio curato in ogni dettaglio, che non lascia zone d'ombra ma che, pagina dopo pagina, riallaccia tutte le vicende in precedenza apparentemente slegate, per formare un unicum scorrevole e coerente.
Notevole è il lavoro di ricerca che sta dietro alla stesura del libro, che risulta chiaramente percepibile man mano che si va avanti nella lettura. Se le dissertazioni storiche e le spiegazioni tecniche possono, a tratti, appesantire un po' la narrazione, ci pensa però Gregorio, il protagonista, a ristabilire il giusto equilibrio. Ironico, con la fobia del futuro (e non solo quella!), a tratti apparentemente folle, le sue riflessioni e le battute di spirito alleggeriscono spesso l'atmosfera e, insieme alle altre trovate dell'autore (immagini, simboli, ritagli di giornale, interludi poetici e musicali), ne rendono la lettura piacevolissima ed interessante, grazie anche a personaggi ben caratterizzati ed ambientazioni curate nei minimi dettagli.
E' così che - tra una dea gatta ed una bella norvegese, tra un antico sistro e una sigaretta di gommapiuma, tra frati ed agenti segreti di varia natura - si giunge all'epilogo ma... sarà davvero tutto finito, oppure Gregorio è già in partenza per una nuova missione?
Al lettore, il compito di scoprirlo!
(Maria Guidi)



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy