Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


CIAO BELLA FUGA
di Vincenzo Gueglio




  • Acquista questo libro su Webster.it




  • Genere: Narrativa

    Trama:
    Nella letteratura italiana sempre più raramente vengono fuori romanzi grotteschi, "comici", bizzarri, beffardi, eroticamente sfrenati, con "trovate" e aggiunte e variazioni capaci di moltiplicare e arricchire strenuamente e saporosamente la vicenda, i personaggi, le situazioni: e allora si dovrebbero sonare le campane [...].
    Plauda a viva voce ora per la lettura del romanzo di Vincenzo Gueglio, che ha un titolo molto ambiguo, ma poi si svolge avventuroso e giocoso, rapido, sapientissimo, con un fervore straordinario di battute, di metafore, di variazioni di lingua che passa dal culto e dal dotto al dialettale, insaporito dai nomi strani e al tempo stesso trasparenti per le allusioni dialettali.
    (dalla prefazione di Giorgio Barberi Squarotti)

    Commento:
    Con un titolo allusivo che è un chiaro sottinteso e un sottotitolo che toglie ogni dubbio - Romanzo atipico per lettori edonisti e (poco) bigotti, ove con allegria si narra e non senza divaganti saggezze si discute se sia mai possibile evadere dal sesso e vivere felici - Gueglio, con impareggiabile humor, ci porta in Liguria a far conoscenza con una carrellata di personaggi pittoreschi alle prese con questo annoso dilemma.
    Tra il Prufessù e Becciarin, Zizzola e Roobìn, Giacomo, Pruensa, Ciumma, Perdigò e tanti altri amici, l'argomento "sesso" viene affrontato da mille punti di vista diversi, alcuni davvero originali: come evadere dalla sua schiavitù ma anche come goderne; come rimediare alla sua mancanza o come stabilire chi è, tra gli amici, il più libidinoso; di che partito è la "fuga" e in che modo possa incidere sui referendum e sulla vita politica del Paese, e altro ancora.
    Benché tutto ruoti attorno alla sessualità, questo non è però l'unico tema presente, infatti sono le avventure ed i racconti dei vari protagonisti a dare quel tocco di brio e vivacità che attraversa tutti i capitoli, ricchi di ironia e sarcasmo. Le espressioni dialettali, i termini locali e le usanze del luogo sono esplicitate con note dell'autore che, da sole, fanno si che valga la pena leggere il libro, rendendo Ciao bella fuga un'opera originale e piacevolissima.
    I capitoli, con titoli lunghi e poco comuni che indirizzano subito il lettore verso i nuovi contenuti che incontrerà, passano da un'avventura all'altra dando voce, di volta in volta, ad un diverso protagonista, mentre il Prufessù fa quasi da collante, sempre presente e pronto ad ascoltare una nuova avventura, un ricordo o uno sfogo.
    In un romanzo che è, allo stesso tempo, opera unica ma che contiene diversi racconti, è difficile citare una storia invece che un'altra. perché tutte sono intriganti e spiritose anche se, personalmente, ho apprezzato molto "Dell'amoreggiar per posta. Rischi e rimedi", "L'uva. E altri bocconcini", "Perdigò e la macchina da scrivere" e "Ciumma e la fabbrica. Vette di virtuosismo nell'arte della fuga".
    Un libro davvero particolare, ironico ed a tratti volutamente grottesco, che rallegra e coinvolge il lettore con i racconti, le metafore e le continue battute.
    (Maria Guidi)



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro della settimana

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy