Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Noir

Trama:
Hap ha rinunciato da tempo a salvare il mondo: la sua unica preoccupazione è vivere tranquillo, tra chiacchiere oziose e interminabili bevute con l'inseparabile Leonard. Ma il grande sogno degli anni Sessanta gli è rimasto incollato addosso perché non ha mai dimenticato Trudy, la bionda con cui aveva giocato a fare la rivoluzione. Quando Trudy ricompare nella sua vita, chiedendogli di recuperare il bottino di una rapina in banca, accetta l'incarico finendo però a capofitto in una spirale di violenza alla quale potrà sottrarsi soltanto con l'aiuto di Leonard. Quei soldi fanno gola a molti, e c'è chi è disposto a tutto pur di non dover dividere il malloppo...
Lansdale accompagna il lettore tra paludi melmose e palazzi fatiscenti, ormai accerchiati dalla nuova America dei centri commerciali e degli immensi parcheggi di cemento. E già dispensa a piene mani quel misto di umorismo sardonico e sottile nostalgia, di idealismo e disillusione che ha fatto di Hap Collins e Leonard Rine una coppia di detective tra le più affascinanti e amate degli ultimi anni.

Commento:
Lansdale, scrittore decisamente poliedrico, apre con questo romanzo la serie di avventure che hanno per protagonisti Hap e Leonard, una coppia di amici che non potrebbero essere più diversi: Hap, bianco, reduce dagli anni settanta e sempre senza lavoro e senza soldi; Leonard, nero, gay e con il Vietnam alle spalle. Considerato da tanti il meno bello della serie a causa dei primi capitoli un po' lenti, resta comunque molto divertente, anche se di certo la seconda parte è migliore, più vivida e ricca di azione rispetto ai capitoli precedenti che hanno una sorta di funzione introduttiva, necessaria a instradare il lettore e fargli conoscere personaggi, ambienti e circostanze.
Due cose davvero colpiscono: prima di tutto, lo stile narrativo che riporta indietro nel tempo. Sembra quasi di viverla l'epoca descritta, si respira l'aria dell'America di provincia e sembra di partecipare in prima persona all'evolversi degli eventi. La seconda cosa è rappresentata dall'ironia che percorre tutto il libro e che viene fuori soprattutto nei dialoghi tra i due protagonisti, sempre scoppiettanti e pieni di umorismo e simpatia. La loro caratterizzazione è tale che, dopo poche pagine, si ha l'impressione di conoscerli da sempre, diventano persone reali e non più semplici personaggi di un romanzo. Assolutamente da leggere, non solo perché fa da introduzione a quelli che di certo seguiranno, ma perché è davvero divertente!
(Maria Guidi)

Dello stesso autore:
In fondo alla palude



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy