Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Thriller

Trama:
David Hunter arriva nella minuscola isola di Runa per valutare se i resti inceneriti di un cadavere siano frutto di un casuale incendio, un fenomeno paranormale di autocombustione - come la piccola comunità già inizia a vociferare - o l'esito di un orrendo delitto. Hunter, grazie alla competenza scientifica di cui dispone, non ha dubbi: si tratta di un omicidio e col fuoco se ne volevano solo mascherare le tracce. Il caso viene così ufficialmente affidato all'ispettore in pensione Brody, che ha trovato il cadavere; ma le indagini della polizia non risolvono nulla e si rivelano più macchinose del previsto: una serie di incidenti apparentemente casuali rallenta le ricerche e, via via, la serie di potenziali testimoni viene eliminata con efferatezza e un gusto macabro e lucidissimo per la violenza. Hunter, esaminando i resti della prima vittima, scopre che appartengono a una prostituta, Janice Donaldson, che ha avuto relazioni con la figlia di un miliardario che controlla l'isola. Fra traffici sporchi, sesso, droga, scienza forense, la curiosità spingerà Hunter nel cuore del mistero. A rischio della vita.

Commento:
Alla temperatura opportuna, tutto brucia. Legno. Vestiti. Persone.
Con una premessa simile, un libro non può che lasciare indifferenti e, per una volta, questo splendido thriller si dimostra ampiamente all'altezza delle aspettative che suscita, rivelandosi coinvolgente e ricco di colpi di scena, praticamente fino all'ultima pagina (ed una volta tanto, non è un modo di dire!!).
David Hunter, antropologo forense, già protagonista di "La chimica della morte" (che non è necessario aver letto, in quanto si tratta di due storie ben distinte), sbarca a Runa, il classico posto dove tutti si conoscono e non esistono segreti... almeno in apparenza! Un luogo dove sembra impossibile che succeda qualcosa di macabro o di cattivo, dove non si può sospettare di nessuno degli abitanti per non rischiare di offendere l'intera comunità che sembra una grande famiglia, fino a quando i resti inceneriti di un cadavere vengono trovati in un cottage abbandonato.
Il ritrovamento fa quasi da propulsore ad una spirale di violenza incredibile, dove gli avvenimenti si susseguono a ritmo vorticoso e dove la fiducia nel prossimo, che è sempre stata alla base della vita degli isolani, crolla di colpo nel timore di aver vicino un assassino; non è più possibile infatti fidarsi di qualcuno o non sospettare perché, di colpo, tutti sembrano nascondere ingombranti segreti.
Bellissima l'ambientazione, le cui descrizioni sono davvero affascinanti: scogliere, rovine archeologiche, tumuli funerari, ma anche bar rumorosi rivestiti in pino, profumo di legna bruciata, odori e rumori sembrano fuoriuscire dalle pagine per arrivare fino al lettore ed accompagnarlo al finale, decisamente inatteso e sconvolgente.
Un thriller notevolissimo, assolutamente da leggere!
(Maria Guidi)



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy