Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Spionaggio

Trama:
La Russia ha un arsenale nucleare di oltre 27.000 ordigni, mal conservati e soprattutto mal custoditi. Ha anche centinaia di funzionari disposti a svenderli. Uno di questi è il fantomatico Abraxas (la farfalla), trafficante d'armi sospettato di avere trafugato quattro testate nucleari in un magazzino nel nord dell'Ucraina. Il furto, inizialmente, sembra non avere alcun rapporto con l'omicidio di Anna Pakula, ricercatrice universitaria brutalmente assassinata dopo un viaggio in Russia, ma le indagini di Daniel Garcia, giornalista e marito della donna, portano alla luce una serie di intrighi nei quali la moglie pare abbia avuto un ruolo determinante. L'indagine di Garda finisce così per incrociarsi con quella di Notorius, agente dell'Mi6 inglese alle calcagna di Abraxas, e rischia di comprometterne la missione. A complicare ulteriormente la situazione emerge poi la notizia che un missile nucleare (con a bordo una delle testate rubate) si è inabissato nel mar del Giappone, dopo un lancio fallito della Corea del Nord. Contemporaneamente, le indagini dell'Fsb (il servizio segreto Russo), rivelano che Abraxas sta per vendere alcune testate nucleari ad un pericoloso gruppo terroristico. Un agente infiltrato, il cui destino si incrocerà con quello di Notorius e di Daniel Garcia, viene così incaricato di recuperare gli ordigni.

Commento:
Scrivere un romanzo di spionaggio non è mai facile, troppo spesso infatti si rischia di ritrovarsi con due errori classici: troppi personaggi e situazioni diverse che creano confusione nel lettore e una trama spesso caotica, magari basata su un argomento (che siano documenti, progetti, armi o altro non cambia) spesso troppo tecnica perché davvero risulti avvincente. Barone però c'è riuscito: con "Punto di rottura" crea un romanzo avvincente e scorrevolissimo che, partendo da una notizia reale (l'inabissarsi in mare di una testata nucleare lanciata dalla Corea del Nord), passa poi a descrivere un intrigo internazionale pieno di suspense.
Un ritmo veloce nella narrazione (i capitoli sono numerosi e molto brevi), il continuo cambio di scenario, i personaggi numerosi ma ben distinguibili tra loro, tutto sembra procedere velocemente, trasmettendo la tensione di ciò che sta accadendo al lettore. Una pagina dopo l'altra, ogni tessera del mosaico trova la sua sistemazione ed alla fine si ha una visione completa dell'accaduto, una risposta a tutte le domande che si sono susseguite nel corso del libro.
Ben scritto, con una trama avvincente e ben strutturata, una spy-story davvero di ottimo livello e con un argomento fin troppo attuale (purtroppo!). Notevole.
(Maria Guidi)

Dello stesso autore:
Il settimo enigma
I figli del serpente



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy