Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Narrativa

Trama:
"Questo breve e intenso primo libro di Erri De Luca porta già impressi in ogni frase - mi sembra - i segni di un vero scrittore: un tono di voce che appena si coglie diventa inconfondibile, e la integrità di uno sguardo che sa mettere nel giusto fuoco i pensieri e i sentimenti. Qui la memoria non è consolazione, ma è un dramma, e il tempo gioca un suo gioco crudele stabilendo distanze insormontabili tra chi narra e la materia del proprio racconto. Una luce bianca e densa come quella che filtra da nuvole alte bagna queste pagine. E la luce in cui il protagonista de "Il posto delle fragole" di Bergman vedeva i propri genitori ancor giovani intenti a pescare con la canna sulle rive di un lago. Leggendo questo libro che rievoca i momenti di un'infanzia trascorsa a Napoli e per sempre scomparsa, ho ripensato a quell'immagine struggente che dice con assoluta e trasparente immediatezza il dolore per la vita che tutto cancella e ci rende estranei a noi stessi e al nostro passato". (Raffaele La Capria)

Commento:
Un libro molto delicato che all'inizio coinvolge quasi a fatica, probabilmente per l'aspetto molto intimo e privato di ciò che racconta. Pagina dopo pagina però, la storia prende piede e, grazie alle parole di De Luca, riemergono sensazioni che appartengono a tutti. Attraverso la rivisitazione della sua vita passata e la rievocazione di quelle persone che maggiormente ne hanno influenzato la sua visione del mondo da bambino, l'autore risveglia nel lettore emozioni e ricordi ormai sepolti. Sfogliando questo breve libro, infatti, si avverte il bisogno di una pausa, di un momento di silenzio che permetta di fermarsi a ricordare ciò che è stato.
Scritto con uno stile elegante eppure semplice, ricco di emozioni che sembrano uscire dalle pagine fino a esser fatte proprie da chi legge, la storia trasmette la malinconia e il senso di profonda nostalgia, proprie dell'autore.
E' un libro che porta a compiere un viaggio in se stessi, per ritrovare immagini, sapori e profumi di quell'infanzia che appartiene a ciascuno di noi e se è vero che tali ricordi, non sempre, sono condivisibili perché appartengono alla sfera intima di ciascuno, è altrettanto vero che non sono molti i libri che riescono a far ciò.
(Maria Guidi)



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy