Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Mistery

Trama:
Strisciano e sgattaiolano i personaggi di questo romanzo, si muovono furtivi, si accoppiano in anfratti bui, tramano nei corridoi di un palazzo tetro, i cui sotterranei inesplorati sprofondano come radici nella terra nera, tra miriadi di larve. Intorno, campagne desolate e boschi sepolti nelle nebbie, fiumi fangosi, gore e paludi. Su tutto si stende l'ombra minacciosa di un uomo potente e ferino che con crudeltà ha dominato la famiglia, i contadini e gli operai alle sue dipendenze, e che da un grande ritratto continua a esercitare un influsso maligno.
Una storia intrisa di atmosfere gotiche, oscillante tra l'osservazione ossessiva della realtà e l'indeterminatezza del sogno; una saga familiare che è anche racconto di formazione. Un libro che ammicca alla narrativa d'appendice e al poliziesco, tingendosi perfino di commedia: una prosa vivissima, che si fa materia pulsante tra le mani del lettore.

Commento:
Ho trovato questo romanzo molto "strano" se così si può dire, di un genere che non conoscevo e che non sono in grado di far rientrare per bene in nessuna categoria perché racchiude... troppo!
La storia di una famiglia per tre generazioni, la presenza di protagonisti che si percepisce essere non interamente uomini, la continua prevaricazione dei ricchi sui contadini sia nel lavoro che nella vita privata, l'amicizia che è quasi ossessione, il sesso come è puro sfogo fisico usato per esprimere il proprio potere sugli altri, il satanismo, la follia, la brutalità.
Un romanzo che, spaziando dalla narrativa all'horror, mostra al lettore con chiarezza le debolezze umane, attraverso gli occhi del protagonista che, raccontando la storia in prima persona, alterna momenti di vita quotidiana a ricordi del passato.
L'intreccio dei due distinti periodi si dipana con semplicità, rispondendo un passo per volta alle domande rimaste senza risposta e fornendo quelle spiegazioni necessarie per comprendere (ammesso che si possa comprendere l'abiezione dei personaggi) la crudeltà insensibile dimostrata con omicidi per futili motivi e stupri reiterati, l'odio e l'indifferenza verso gli stessi familiari.
Un libro a tinte fosche, un'atmosfera cupa che circonda il lettore fin dall'inizio ma che nello stesso tempo lo spinge a proseguire nella lettura grazie una trama che affascina e alla notevole bravura di un autore che conosce perfettamente la lingua italiana e sa come usarla (per una volta!), cosa non facile di questi tempi, dove errori grammaticali ed ortografici sono ormai diventati routine.
Molto particolare, sicuramente un romanzo che vale la pena leggere.
(Maria Guidi)

Dello stesso autore:
Rapsodia su un solo tema



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy