Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Trama:
Questo romanzo comincia nel dicembre 782 in un'abbazia sull'isola di Vectis (Inghilterra), quando il piccolo Octavus, accolto dai monaci per pietà, prende una pergamena e inizia a scrivere un'interminabile serie di nomi affiancati da numeri. Un elenco enigmatico e inquietante.
Questo romanzo comincia il 12 febbraio 1947, a Londra, quando Winston Churchill prende una decisione che peserà sulla sua coscienza sino alla fine dei suoi giorni. Una decisione atroce ma necessaria.
Questo romanzo comincia il 10 luglio 1947, a Washington, quando Harry Truman, il presidente della prima bomba atomica, scopre un segreto che, se divulgato, scatenerebbe il panico nel mondo intero. Un segreto lontano e vicinissimo.
Questo romanzo comincia il 21 maggio 2009, a New York, quando il giovane banchiere David Swisher riceve una cartolina su cui ci sono una bara e la data di quel giorno. Poco dopo, muore. E la stessa cosa succede ad altre cinque persone. Un destino crudele e imprevedibile.
Questo romanzo è cominciato e forse tutti noi ci siamo dentro, anche se non lo sappiamo.
Perché non esiste nulla di casuale.
Perché la nostra strada è segnata.
Perché il destino è scritto.
Nella Biblioteca dei Morti.

Commento:
Avevo letto la trama di questo libro su un catalogo e mi aveva subito attratto; ho letto poi diversi commenti entusiastici e la curiosità è aumentata ma... in tutta onestà, dopo averlo letto anch'io, sono rimasta piuttosto delusa.
Non che il romanzo sia brutto, questo no... L'idea della biblioteca con le date di nascita e di morte di tutti gli esseri umani è intrigante; la struttura su diversi piani temporali, per quanto parecchio sfruttata, mi è piaciuta molto perché permette di scoprire la trama un passo per volta; la parte di narrazione riguardante le origini, ambientata nel convento di Vectis è affascinante e ben fatta, con ampie descrizioni della vita dei frati; il protagonista, anche se un po' stereotipato, è comunque un personaggio piacevole. Nonostante tutto questo però, il libro risulta, nel complesso, poco avvincente. Di thriller non ha assolutamente nulla e si può al massimo considerare un poliziesco: su 444 pagine di romanzo, ho trovato interessanti le ultime 50 circa!
Insomma, di certo è un romanzo carino, come esordio è assolutamente da apprezzare, anche per la scrittura scorrevole e la trama ben congegnata, ma mi aspettavo sinceramente molto di più.
Meriti di un buon lancio pubblicitario!
(Maria Guidi)



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy