Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


L'ULTIMA ESTATE CHE GIOCAMMO AI PIRATI
di Alessandro Soprani


  • Acquista questo libro su laFeltrinelli.it
  • Acquista questo libro su Webster.it




  • Genere: Amicizia

    Trama:
    Tre ragazzini - Luca, voce narrante, Davide e Mario - i tre moschettieri, come vengono chiamati, sono i protagonisti di quotidiane avventure: giocano a biglie, ai pirati, alla guerra con mitici Sten di legno di faggio. Giocano, rovistano nei solai in cerca di cimeli, ed esplorano i luoghi proibiti dei partigiani... E proprio durante una di queste esplorazioni Luca scopre un cadavere: è Delmo, un uomo buono e innocente - lo scemo del villaggio, qualcuno direbbe - al quale i ragazzi, come tutti, volevano bene. Quando gli indizi sembrano incolpare Giona, un reduce inglese rissoso e ubriacone, Mario, il più maturo dei tre forse perché ha perso la mamma e ha un padre alcolizzato e violento, decide che non si può lasciare impunito l'assassino di Delmo. Bisogna vendicarlo. Si fa in fretta a passare dal gioco a una terribile realtà, soprattutto se si incontrano delinquenti senza scrupoli. Ma occorre molto coraggio, o incoscienza, quando la linea d'ombra che separa la giovinezza dall'età adulta non attraversa solo il mutare dei sentimenti e delle emozioni, ma si sporca di sangue. Questo è il messaggio chiaro che viene dalla voce addolorata e fiera dell'Italina, splendida figura di vecchia che di quei ragazzi è l'unica confidente, forse perché, custode a sua volta di un antico lacerante segreto, è l'unica che può veramente capirli.

    Commento:
    Bellissimo questo libro, se non avessi saputo a monte che è un romanzo d'esordio non ci avrei mai creduto! Alessandro Soprani riesce, fin dalle prime pagine, a riportarti indietro nel tempo (è ambientato nel primo dopoguerra), al periodo in cui i ragazzi uscivano per andare a giocare liberamente nei campi e non tornavano fino al tramonto, quando la vita era forse più difficile ma anche più vera, quando nella zona ci si conosceva tutti e ogni avvenimento riguardava l'intera comunità.
    La storia scorre via veloce, con descrizioni così precise che sembra di vedere un film. Ci si ritrova allora a partecipare alla vita dei tre ragazzi che, in quella lunga estate, maturano in fretta e vedono cambiare la propria vita e la loro amicizia. Si corre con loro nei prati, sentendo frinire i grilli e frusciare le foglie; ci si nasconde con loro quando sono braccati dai contrabbandieri e si sta con il fiato sospeso e il terrore di essere scoperti. Si provano l'ansia e la paura di dover decidere in autonomia cosa è giusto e cosa è sbagliato, e quante volte questo si rivela difficile da capire!
    I dialoghi, con espressioni tipiche dialettali, fanno sorridere parecchio e rendono in pieno il senso dei discorsi, la franchezza dei ragazzi è disarmante (anche se qualche parolaccia in meno non avrebbe guastato) e anche se la storia, soprattutto nel finale, è un po' eccessiva, il risultato complessivo è quello di un libro bellissimo, pieno di emozioni, di avventura e di coinvolgimento.
    La figura dell'Italina, unica confidente dei ragazzi, è superba, la nonna che tutti sognano di avere: sveglia, furba, decisa, sempre pronta a capire e aiutare senza fare prediche inutili. Come lei, anche gli altri personaggi secondari sono ben delineati, dal nonno di Luca a Delmo e Freccia, a tutti gli altri.
    Un passaggio dall'infanzia all'età adulta tracciato con grande maestria e con proprietà di linguaggio, cosa che non guasta!
    Complimenti all'autore per questo libro e speriamo di poter leggere presto un altro suo romanzo.
    (Maria Guidi)



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro della settimana

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy