Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


I VIAGGIATORI DEL VENERDI'
di André Héléna


  • Acquista questo libro su Webster.it




  • Genere: Giallo

    Trama:
    Anni Cinquanta. Sud della Francia. A Leucate, piccolo villaggio di pescatori, la vita scorre monotona e tranquilla. Come ogni venerdì l'autobus di Azalbert porta i suoi rumorosi passeggeri a Narbonne, per il mercato. Ma qualcosa succede durante il tragitto e le campagne punteggiate di mandorli e mirti diventano scenario di misteriose vendette. Le saline luccicano come neve e il caldo torrido dell'estate è sconquassato dal vento del Nord.
    Fra i senils che orlano la sponda di una palude giace il cadavere di un uomo. Un altro verrà ritrovato poco dopo nell'autobus, un coltello conficcato nel costato, ma nessuno dei viaggiatori sembra aver visto niente di sospetto. Fra inebrianti sorsate di pastis e il profumo gustoso della bouillabaisse, François, nei panni di un improvvisato detective, cerca di ricostruire i tasselli di un losco intrigo. L'odore vulcanico e infernale dello zolfo si appiccica alla pelle come uno scomodo indizio.
    "Patrick fece il giro della pozza d'acqua, seguito da Bouisset, e arrivarono in una piccola radura traforata dal merletto del sole. Due bambine stavano là, immobili, tremanti per il terrore. Effettivamente, un uomo c'era, o perlomeno ciò che ne rimaneva. Solo i piedi toccavano la terra. Era disteso a pancia in giù nella palude immobile e le corte palme dei senils sembravano cullare il suo ultimo sonno."

    Commento:
    André Héléna (1919 -1972) è oggi noto come uno dei migliori scrittori francesi di noir e, leggendo i suoi romanzi, non è difficile capire come mai. Le atmosfere che traspaiono dalle sue pagine sono talmente reali che ci si ritrova catapultati all'interno dei piccoli villaggi con François e Roslyn, la sua testarda compagna, per seguire da vicino i progressi dell'indagine. Le splendide descrizioni, a tratti poetiche, sono così vivide che, scorrendo le pagine per cercare di scoprire i segreti di Leucate, sembra quasi di sentire alternativamente l'odore di zolfo o la delicata brezza del lago.
    Dal punto di vista narrativo forse il giallo scorre un pochino lento, ma questo non disturba. Sembra piuttosto che l'autore abbia adeguato il ritmo del racconto alla vita che descrive, cioè al piccolo centro in cui si svolge la vicenda, dove anche l'omicidio viene vissuto con una certa pacatezza e tutto si svolge quasi con calma, almeno fino allo scoppiettante epilogo.
    Interessanti i personaggi, anche se numerosi sono tutti abbozzati in quelle caratteristiche che servono a dare loro unicità e renderli chiaramente distinti dagli altri: il giornalista che vuole lo scoop, la fidanzata che vuole per forza aiutare e spesso finisce per creare problemi (ma non sempre!), i coniugi Blondel con il loro oscuro passato, il brigadiere e tutti i pescatori che, ciascuno con la propria storia, svelano alla fine l'intricato mistero.
    La cosa che maggiormente colpisce è forse la descrizione dei luoghi, delle abitudini ed anche del dialetto che, grazie a bei dialoghi ed espressioni tipiche, conferisce realismo a una storia che ricorda un po', per certi aspetti, le atmosfere di Camilleri e del suo Montalbano. Piccoli centri dove tutti si conosco, dove non esistono segreti se non per chi viene da fuori, dove la vita scorre a ritmi pacati e la natura offre splendide immagini di sé. Molto bello.
    (Maria Guidi)



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro della settimana

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy