Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


GUARDIE, LADRI E TRACCIATORI
di Manuela Mazzi


  • Acquista questo libro su Webster.it




  • Genere: Avventura

    Trama:
    "Tra le tenebre oscure di progetti maligni e nel silenzio di guardie senza tempo, antichi segreti di una storia riconsegnata dalle polveri della terra stanno per essere svelati".
    Due giovani liceali mattacchioni, un'amica fidata, una banda di ladri e un oggetto misterioso sono gli ingredienti di un'avventura intrisa di colpi di scena. Trascorrere un'estate serena, animata da un pizzico di brivido dettato solo dall'allenamento del loro sport preferito, il free running (anche noto come Parkour), era tutto ciò che Mirco, Luca e Stella desideravano. Ma intuirono subito, prima ancora di finire la stagione scolastica, che non sarebbe stato così. Una fatalità legata a una grave caduta da una cascata fa fare ai giovani un singolare ritrovamento. Per scoprire di che cosa si tratta, i tre ragazzi si fanno aiutare da un vecchio bibliotecario un po' brontolone. Ma a mettere in difficoltà i due giovani e la loro amica sono i seguaci di una banda di ladri, tracciatori a loro volta, però di stampo malvagio, e un agente della polizia un po' troppo ficcanaso. Tra corse e inseguimenti, furti e ricerche, l'intera vicenda si fa strada come in un mistery.

    Commento:
    Nato inizialmente come una storia destinata ai più giovani, questo libro è in realtà un romanzo d'avventura adatto a lettori di qualsiasi età, infatti l'autrice è riuscita a fondere la freschezza e la vitalità degli adolescenti al mistero di un tesoro nascosto con dei segreti da svelare, in una storia che mescola passato e futuro, amicizia e amore, spie e reperti storici, il tutto con fluidità e coerenza.
    La trama è originale e ben congegnata, i personaggi sono ben caratterizzati e la figura del vecchio bibliotecario, l'amico adulto dei ragazzi, è davvero affascinante: un uomo che attira rispetto e simpatia. Inoltre le ambientazioni sono molto belle e descrivono splendidamente i paesaggi della Svizzera italiana.
    Ambientato nel 2030, in un futuro quindi non troppo lontano, il libro presenta la giusta dose di sviluppo tecnologico ma senza eccedere. Il singolare ritrovamento dei ragazzi con l'avventura che ne consegue, si mescola alla vita di tutti i giorni, alla scuola, all'amicizia e all'amore, cioè a quei dettagli di quotidianità che ne fanno un insieme organico e avvincente.
    Gli ingredienti per una bella storia ci sono tutti: l'attività di ricerca da parte dei ragazzi, dettagliata e facile da seguire nel suo sviluppo; la preparazione informatica con la creazione di un videogioco virtuale; lo sport particolare che i ragazzi praticano... e il risultato non delude, perchè il romanzo è avvincente e con un piccolo colpo di scena nel finale.
    Una cosa che mi ha colpito, inoltre, sono gli spunti di riflessione che l'autrice fa, di tanto in tanto, su problemi odierni che, se trascurati, mostreranno le proprie conseguenze tra qualche anno.
    Molto bello.
    (Maria Guidi)

    Della stessa autrice:
    L'ancora insanguinata



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro della settimana

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy