Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


DIARIO DI SOPRAVVIVENZA in un moderno ambiente di lavoro
di Luca Savastano


  • Acquista questo libro su laFeltrinelli.it
  • Acquista questo libro su Webster.it




  • Genere: Narrativa

    Trama:
    Luca entra ogni mattina a lavoro prima delle 8:00. Se entri prima esci prima, il cartellino timbrato non può mentire. Il lavoro lo fa bene Luca, è un ingegnere intelligente, forse un po' troppo critico verso ciò che vede nel suo ambiente di lavoro. Ciccio, il capo del suo ufficio - ma sopra di lui nell'azienda ce ne sono molti altri - è un prototipo del manager "stronzo" con i suoi sottoposti. Ma i colleghi di Luca, non tutti a dire il vero, si esprimono mutua assistenza e complicità.
    Le giornate di lavoro trascorrono tra pause caffè, riunioni che si trasformano in surreali commedie, scambio fitto di mail, telefonate varie, chat, e soprattutto chiacchiere futilissime, cui Luca spesso rinuncia a prendere parte. Ogni venerdì poi, com'è immaginabile, diventa per tutti i dipendenti una giornata di "liberazione". Questo primo romanzo di Luca Savastano è un divertente ritratto di una tipica vita d'ufficio ai giorni nostri. Tra colpi bassi dei superiori, competizione scorretta, assurdi giochi di potere e rabbie represse, la realtà descritta rappresenta un microcosmo dei vizi e delle nevrosi individuali. Con buona pace di chi come Luca vorrebbe rendersi la vita decisamente più entusiasmante e tranquilla.

    Commento:
    Molto scorrevole e ironica, questa prima opera di Savastano dimostra indubbiamente una grande conoscenza di quella che è, purtroppo, la vita negli uffici moderni. Il suo diario semiserio permette a tutti quelli che lavorano in gruppo di riconoscere perfettamente, nella precisa descrizione fatta, la propria realtà lavorativa: dalla divertente panoramica sui colleghi che, con un po' di fantasia, è possibile ritrovare in tutti gli ambienti (il menefreghista, il raccomandato, l'approfittatore, ecc.) alla spietata critica al sistema organizzativo ed alle capacità (assenti!) dei capi. Questo romanzo è realistico, divertente, ma anche amaro, perché ci ricorda come, molto spesso, vengono gestite le cose negli ambienti lavorativi, a prescindere dal campo di attività coinvolto.
    Una piccola pecca è forse rappresentata dall'assenza di un vero e proprio punto di arrivo. Si tratta infatti, di una narrazione, quasi rassegnata, di quel che avviene giorno dopo giorno senza un reale punto di svolta né un cambiamento. Questo aspetto è in parte controbilanciato dalle riflessioni del protagonista, Luca Baldini, che nonostante tutto cerca di pensare in modo positivo, sperando sempre che qualcosa possa cambiare anche quando la situazione sembra diventare insostenibile e i soprusi troppo pesanti per continuare a cedere, come invece avviene...
    L'importante è credere in un futuro migliore e andare avanti, perchè, come dice il protagonista: "ciò che conta davvero è essere se stessi, credere nei propri ideali, saper godere e saper soffrire... le situazioni cambiano, l'identità resta".
    (Maria Guidi)



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro della settimana

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy