Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Narrativa

Trama:
Non tutti i milanesi sono belli, ricchi, biondi e fortunati e si incontrano all'happy hour. Molti, chi più chi meno, non hanno altra scelta che arrabattarsi fin da quando sono piccoli inventandosi di tutto per resistere e sopravvivere, Questo romanzo racconta, in bilico tra comicità e dramma, la storia di una giovane donna il cui destino è segnato da quello della sua famiglia, i Danni. Nome che promette malissimo e che mantiene tutte le promesse. Catastrofi finanziarie, aste giudiziarie, follia ereditaria, macabri rituali, psicofarmaci, alcool, raggiri, botte, tradimenti, malattie dai nomi impronunciabili, inspiegabili sparizioni di oggetti, persone e salme. Dolore e rabbia. Ma anche, inspiegabilmente, amore. L'autrice giura che non tutto è frutto di fantasia.

Commento:
Libro di esordio di Vittoria A., questo romanzo è davvero difficile da commentare in quanto particolarissimo nella trama e nella stesura, tanto che solo leggendolo in prima persona si può apprezzarlo pienamente.
La protagonista è una ragazza di nome Vittoria che, fin da piccola, si ritrova a vivere in una famiglia completamente al di fuori da ogni regola, con un madre che le dà la colpa per qualsiasi cosa (anche quando è la madre stessa la colpevole), un padre sempre in fuga, "amici" di entrambi i genitori fin troppo presenti, malattie, problemi di ogni genere e tutta una serie di situazioni strane che fanno sperare che la frase "L'autrice giura che non tutto è frutto di fantasia" sia messa lì solo per stuzzicare la curiosità del lettore, perchè è difficile immaginare che una persona possa aver dovuto sopportare tutto ciò, in un'unica vita!
La bellezza di questo libro sta tutta nell'originalità e nello stile di scrittura della giovane autrice che, in un modo davvero fresco e divertente, riesce a descrivere ogni cosa con un'ironia che fa sorridere anche nelle scene più allucinanti, che apre alla speranza nonostante tutti i problemi, che ci fa sentire vicine Vittoria e Vicky (altra se stessa, inventata per poter vivere due vite separatamente e "sbarcare il lunario"), facendoci davvero sperare che nel libro sia soprattutto la fantasia a prevalere e non la realtà. Questo perchè parecchi avenimenti sono un vero pugno nello stomaco e, nonostante la bravura dell'autrice nel renderle leggere narrandole con semplicità e freschezza, pensare ad una ragazza che debba vivere così, fa davvero male. Nonostante ciò, la cosa che maggiormente trasmette questo romanzo è una grande gioia di vivere, infatti se nella prima parte prevalgono i problemi e le disavventure continue di Vittoria e della sua famiglia, nella seconda la protagonista, ormai cresciuta e decisa a prendere in mano la propria vita, riesce, grazie alla forza di carattere ed alla voglia di riscatto, a crescere e diventare una donna orgogliosa, piena di speranza nel futuro, nella famiglia e nell'amore.
Assolutamente da leggere!
(Maria Guidi)

Della stessa autrice:
Un peso sul petto



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy