Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Narrativa

Trama:
Pietro Paladini può dirsi un uomo fortunato: ha un lavoro che gli dà grandi soddisfazioni, una donna di cui è innamorato, una figlia di dieci anni. Ma un giorno di fine estate, mentre al mare salva una sconosciuta dall'annegamento, accade l'imprevedibile. E nella vita di Pietro si apre una piega che ingoia tutto. In quello stesso istante, infatti, a chilometri di distanza la sua compagna viene stroncata da un malore. Incapace di affrontare il presente, Pietro comincia a passare le giornate davanti alla scuola della figlia. Rimane lì, immobile, a osservare i volti e i gesti delle persone intorno a lui, quelli teneri di un bambino down o quelli intriganti di una ragazza che porta a passeggio il cane: in un "caos calmo" che gli permette di vedere, come mai aveva fatto, gli altri e sé stesso. I colleghi, gli amici, i parenti accorrono da lui per consolarlo e finiscono per confessargli le loro pene e le loro speranze. Pietro ascolta, guida, partecipa e a poco a poco, attraversando il dolore e il senso di colpa, approda alla più semplice verità: l'accettazione della natura umana nella sua forza come nella sua debolezza...

Commento:
Può un romanzo essere contemporaeamente statico e in movimento, immobile ma pieno di vita e di emozioni? La risposta è si ed infatti Veronesi ci riesce benissimo!
Con il suo libro egli trasmette, nonostante la staticità che caratterizza la figura di Pietro, emozioni e riflessioni che toccano il lettore. Chi dice che per elaborare un lutto è necessario impegnarsi anima e corpo in qualcosa che distragga dal dolore? Pietro fa esattamente il contrario: decide di fermarsi e lasciarsi vivere, giorno dopo giorno, restando fermo davanti alla scuola della figlia a pensare e riflettere sulla propria vita, sul senso di colpa, sul dolore. Mentre lui si ritira in questa sorta di non-vita, isolandosi da tutto, è la vita stessa che invece continua a scorrere e va a cercarlo. Gli amici, i colleghi, i passanti, vanno da lui e, invece di consolarlo, iniziano a sfogarsi per i problemi e le ansie quotidiani, mentre Pietro, che vive tutto con un apparente distacco, prende atto di quel che gli succede intorno, partecipa ai loro drammi e un po' per volta si riappacifica con quella vita che comunque va avanti, a dispetto delle colpe o dei meriti che ogni uomo ha.
Ben scritto, profondo, a tratti commovente, un libro che vale davvero la pena leggere.
(Maria Guidi)



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy