Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Narrativa

Trama:
Una appassionante narrazione delle vicende di un gruppo di giovani nella Genova degli anni '60, dove le storie d'amore e di sesso, di amicizie ritrovate o perdute, le riflesse implicazioni storiche e politiche, tutto viene vissuto con quel senso dell'avventura tipico di quella generazione, ribelle e trasgressiva.
Nell'intrecciarsi dei singoli destini, narrati con uno stile secco e di grande suggestione d'immagini, emerge il vissuto dei protagonisti, accomunati dall'inquieta ricerca, spesso inconscia, di risposte al significato del senso della vita, che traspare nel succedersi degli eventi da cui, giorno per giorno, affiorano speranze e disillusioni, problematiche esistenziali e dissimulata fragilità. Se è vero che la scrittura e la lettura possono essere concepite come un complemento di sé, l'incontro con questo romanzo sarà per molti una piacevole sorpresa.

Commento:
Con uno stile narrativo fresco e lineare, che riesce ad essere diverso per ogni protagonista, Raineri fa rinascere, nelle sue pagine, il ricordo dell'Italia degli anni '60, in una storia che racchiude tante altre storie.
Attraverso vite allegre o tristi, facili o problematiche, l'autore racconta la quotidianità dei giovani nel dopoguerra, in un'atmosfera fortemente influenzata dalle vicende politiche e dal conflitto generazionale particolarmente sentito in quel periodo. L'opposizione verso qualsiasi cosa (dai genitori e il loro conformismo alla politica), le emozioni, i sentimenti, la musica, il lavoro e le uscite con gli amici, sono solo alcuni degli aspetti attraverso i quali l'autore fotografa la società dell'epoca. Finestre sulla vita di Maurizio o di Cristina, di Paolo o di Luca, di Giulia, di Valeria e così via, ogni capitolo contiene il ritratto di una persona con sogni, aspettative e delusioni.
Con parole schiette e atteggiamenti a volte duri, con il linguaggio deciso proprio dei giovani, i problemi vengono affrontati senza ipocrisia e il lettore si trova di fronte alla solitudine, al senso di vuoto dovuto al crollo di ideali e speranze, alla morte ma, nonostante tutto, la conclusione è positiva, come si percepisce fin dal titolo. L'analisi che Raineri fa attraverso i suoi protagonisti è profonda ma scorrevole, ricca di sfaccettature perché "a più voci" e incoraggiante, poiché termina con un pensiero di speranza, quello di un nuovo giorno e un nuovo inizio.
Un romanzo intenso e realistico, in cui coloro che hanno vissuto quegli anni non avranno difficoltà a riconoscersi.
(Maria Guidi)



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy