Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Romanzo storico

Trama:
In un piccolo paese del Monferrato, alla fine del 1627, viene consegnato alla guarnigione spagnola un piccolo baule sigillato. Quali sono i segreti che nasconde, e perché un esuberante ufficiale cerca in ogni modo di aprirlo? La scoperta del segreto metterà l'uomo e le persone che lo circondano in grossa difficoltà, al punto da voler dimenticare ciò che contiene e nasconderlo per sempre. Nulla, però, scompare del tutto, e quasi quattrocento anni dopo, a Roma, un piccolo indizio getterà un raggio di luce sul passato. In breve, un gruppo di ricercatori universitari e personaggi senza scrupoli, si troveranno coinvolti in una lotta senza esclusione di colpi per impossessarsi del prezioso contenuto.

Recensione:
La fratellanza del lateral sangue è un giallo storico ben congegnato.
Costruito su parti temporali diverse, unite da un preciso senso logico, porta il lettore avanti e indietro nel tempo, sulle tracce della mistica lancia di Longino.
La parte iniziale è più incentrata sul passato, sul protagonista spagnolo Gonzales. Ben descritta è la sua vita nella guarnigione di un piccolo borgo italico e gli eventi che si susseguono, da quando riceve un misterioso baule a quando lo nasconde in un luogo sicuro. I suoi dubbi e le sue decisioni lo rendono un personaggio completo.
Nella seconda parte si torna principalmente al presente e alla ricerca della lancia da parte di un gruppo di studiosi.
Dalla posizione privilegiata di chi sa, il lettore segue gli errori e le giuste intuizioni dei personaggi. Questa conoscenza va a discapito della suspance, perché è noto il nascondiglio della reliquia, ma rimane interessante l'intrigo occulto rappresentato dalle varie parti interessate al ritrovamento.
La terza parte è maggiormente incentrata sull'organizzazione misteriosa che dà il titolo al romanzo e che vuole il sacro reperto, e sull'indagine che prende piede dopo un evento delittuoso. Qui il personaggio di Alberto, responsabile delle ricerche storiche, si arricchisce di nuovi colori e maggior profondità, e il ritmo narrativo si fa più teso.
I personaggi che incontriamo hanno tutti caratteristiche univoche, alcuni sono dotati di maggior spessore a seconda della loro importanza all'interno della vicenda.
Un romanzo piacevole, fondato su note storiche reali nelle quali la fantasia dell'autore arricchisce il contesto e crea una trama piacevole da seguire, donando una lettura fluida ed interessante. Un finale agrodolce per nulla scontato ci regala un ultimo mistero. Godibile.
(Tatiana Vanini)



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy