Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


La corda e l'artiglio
di Davide Cariola

  • Acquista questo libro su laFeltrinelli.it
  • Acquista questo libro su Ibs.it
  • Acquista questo libro su Mondadoristore.it
  • Acquista questo libro su Amazon.it

    Casa Editrice: Leucotea - 166 pagine
    Disponibile in formato cartaceo




  • Genere: Thriller

    Trama:
    Sembra che qualcuno voglia proprio lasciare un messaggio tramite una scia di sangue che colpisce le persone legate all'ispettore Massimiliano Soffici. Per questo scoprire il responsabile è per lui di vitale importanza, tanto da spingerlo a chiedere aiuto a Carlo Pannaggi, suo fratello e assassino del loro padre, che si trova ancora in carcere. All'oscuro del loro legame di parentela Carlo fornisce un aiuto per scoprire chi può ancora avercela con la famiglia Soffici. In realtà un vincolo altrettanto forte nasce quando Carlo e Massimiliano, ancora bambini, strinsero un patto suggellato da un braccialetto realizzato con un artiglio di lupo rinvenuto nel bosco. Seguito di "Una finissima barca a vela", narra le vicende dei protagonisti alle prese con una nuova indagine.

    Recensione:
    La corda e l'artiglio è un thriller ben riuscito.
    La trama è intrigante e coinvolgente, misteriosi omicidi che riproducono opere d'arte e che sembrano avere un solo punto in comune: l'ispettore incaricato delle indagini.
    Già questo basterebbe a renderlo un libro interessante, ma c'è di più, molto di più.
    La scrittura dell'autore è capace di coinvolgere il lettore con le sue descrizioni chiare, ma sono i personaggi a catturare cuore e anima di chi si ritrova questo thriller tra le mani. La profondità della costruzione psicologica permette una piena comprensione delle dinamiche famigliari sulle quali si fonda la costruzione narrativa. Caino e Abele in chiave moderna dove si vedono i risultati di infanzie vissute diversamente e delle azioni che si possono compiere sulla spinta della vendetta.
    Vendetta e orrore contrapposti alla giustizia, perché anche là dove non ci può essere perdono, è necessario tracciare una linea tra ombre e luce, illecito e lecito.
    Un romanzo scandito con precisione in ogni sua parte, con la giusta suspance e azione, con momenti di indagine profonda alla ricerca delle motivazioni nascoste nell'animo di un assassino che mette in scena un gioco perverso.
    Un finale dove si chiarisce tutto, perfino il titolo particolare, che ci lascia un sapore amaro, perché non tutte le storie hanno un lieto fine per ogni interprete, ma dove ogni lettore potrà in cuor suo scegliere cosa avrebbe fatto nella medesima situazione del protagonista, quale pena avrebbe inflitto al colpevole.
    Interessante, coinvolgente, profondo. Da leggere.
    (Tatiana Vanini)



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro della settimana

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy