Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Fantasy

Trama:
Nella storia agiscono le personificazioni dei sette Peccati Capitali, ciascuno incaricato dal Diavolo, loro signore, di acquisire proseliti da condurre in un luogo di delizie materiali e spirituali: "la Città del Vizio", dove ognuno può in maniera sfrenata soddisfare i propri vizi più estremi. Ma la stessa Città nasconde un terribile segreto che, prima o poi, tutti i gaudenti saranno costretti a conoscere. Ai sette Peccati si contrappongono le tre sorelle: Fede, Speranza e Carità, delle quali solo Speranza è ancora in gioco. Il protagonista della storia è un giovane alcolizzato il cui passato è motivo dei suoi tormenti. Trasportato dall'accidia, raggiunge la Città, dove incontrerà una ragazza che vi si trova non per sua scelta o per colpa, ma vi è stata condotta contro tutte le regole che vigono in quel luogo. Sarà proprio l'incontro con questa ragazza che segnerà le sorti del giovane.

Recensione:
La città del vizio è un fantasy atipico.
E' un romanzo diviso in due parti. La prima è più di stile fantastico, con il protagonista che finisce nella città dove tutto è permesso dopo l'incontro con la personificazione dell'accidia, uno dei sette peccati capitali. La seconda, pur continuando il tema principale, è ambientata a Torino e assume più un tono tra la narrativa e la saggistica.
Un romanzo fondato sulla lotta tra bene e male in un'accezione più umana: la discesa nel baratro e la possibilità di riscatto; la facilità con la quale si può cadere preda dei vizi e la difficoltà nel seguire le virtù.
Una riflessione continua e profonda sulla natura umana, sul dualismo che ci porta a camminare tra il buio e la luce, nel grigio indistinto del libero arbitrio, prede dei nostri desideri e vittime delle nostre scelte, siano esse buone o cattive.
L'autrice è una giovane talentuosa che trova nell'arte varie forme di espressione, basta solo pensare alla bella copertina del romanzo frutto della sua capacità come disegnatrice.
La città del vizio e un'autentica allegoria sulla discesa agli inferi e ritorno, il protagonista Elia come un moderno Enea, uno scritto profondo, intelligente, da leggere con calma e attenzione anche per una prosa ricca di informazioni, giudizi e insegnamenti che però a volte appesantiscono la lettura.
Adatto a chi da un libro vuole di più che qualche semplice ora di svago.
Un'autrice di cui sentiremo parlare ancora.
(Tatiana Vanini)



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy