Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Storia e informazione

Trama:
Tutto ha inizio al Marriott Hotel di Washington. Nessuno dei convocati sa qual è veramente la posta in gioco e il ruolo che ciascuno di loro avrà nel più grosso complotto internazionale degli ultimi decenni. Non lo sa nemmeno Ron J. Stewart, agente segreto americano, pronto a tutto, una vita segnata da missioni impossibili. Ma questa che sta per essergli affidata è la più mefitica e delicata in assoluto. In gioco c'è il futuro politico dell'Italia e i rapporti tra Stati Uniti e Unione Sovietica. Fermare l'entrata al governo del Pci usando qualsiasi mezzo, anche le Brigate rosse: questo l'obiettivo. Tra Praga, Parigi, la Berlino attraversata dal Muro, Milano, Genova, in accordo con altri agenti segreti dell'Est e dell'Ovest, al di fuori dei canali ufficiali, Stewart dovrà infiltrarsi e aiutare i terroristi nella loro azione eversiva e destabilizzante. A farne le spese, l'uomo politico italiano più famoso. Un agente segreto francese, scoprendo la trama che si stava tessendo, cercherà invano di salvare il leader democristiano. Invano, perché "lui" doveva morire. Commissionato a Ferrari con non poche pressioni dal "Corriere della Sera" devastato dallo scandalo P2, tenuto nel cassetto per anni, questo romanzo anticipava quanto poi in parte confermato da nuove testimonianze e dalle commissioni d'indagine sul delitto Moro.

Recensione:
Il segreto è un romanzo che incarna il coraggio e la testardaggine del suo autore, il giornalista Antonio Ferrari.
Nato da chi ha sempre scritto per mestiere, racconta probabilmente quasi tutta la verità sul caso Moro.
Alcuni elementi sono stati volutamente traslati nel tempo, della vittima che è poi il grande protagonista del romanzo non si fa mai il nome, ma non serve, tutto è chiaro, limpido, scritto nero su bianco.
Il clima di quegli anni rivive in tutto il suo terrore nelle frasi di Ferrari, che con la sua scrittura perfetta intreccia gli indizi, i sospetti e i fatti in una trama che non è fantasia ma storia.
Si conoscono gli intrighi politici, si vedono i burattinai nell'ombra che gestiscono le scelte, guidano gli animi di coloro che credendosi liberi si sono fatti servi di un potere più grande. Violenza chiamata da un ideale che richiama altra violenza, sdegno e tanto sangue versato inutilmente, non per il bene delle masse ma per la realizzazione di diversi disegni.
C'è tensione in questo romanzo, anche se sappiamo tutti quale sarà la fine della storia. Vederla scorrere sotto gli occhi raccontata con tanta maestria fa provare una varia gamma di sentimenti, ma soprattutto tristezza. Tristezza per quello che c'era in campo, per i comportamenti di tanti, il coraggio di pochi e la morte di troppi.
Leggetelo tutto, fino in fondo, comprese quelle pagine che arrivano alla fine della vicenda principale e che molti saltano.
Leggetelo. Ricordate, conoscete, imparate, ma soprattutto capite.
Un libro straordinario finalmente pubblicato.
(Tatiana Vanini)



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy