Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


Il potere che uccide. La pena di morte nel mondo.
di Helmut Ortner

  • Acquista questo libro su laFeltrinelli.it
  • Acquista questo libro su Ibs.it
  • Acquista questo libro su Libraccio.it
  • Acquista questo libro su Amazon.it

    Casa Editrice: EGA-Edizioni Gruppo Abele - 176 pagine




  • Genere: Saggio

    Trama:
    "Parmi un assurdo che le leggi, che sono l'espressione della pubblica volontÓ, che detestano e puniscono l'omicidio, ne commettano uno esse medesime, e, per allontanare i cittadini dall'assassinio, ordinino un pubblico assassinio" (Cesare Beccaria). Eppure la pena di morte esiste ancora oggi, 250 anni dopo quel limpido giudizio. E continuano a intrecciarsi le domande. Come Ŕ cambiato nel corso dei secoli l'esercizio della pena capitale? Per quali ragioni la morte "giusta" Ŕ ancora diffusa in molti Paesi? Quali conseguenze - anche psicologiche e sottese alla spettacolarizzazione pubblica della morte - ha il potere di uccidere nel rapporto tra Stato e cittadini? ╚ possibile abbandonare definitivamente la cultura della vendetta e promuovere una societÓ pienamente civile?

    Commento:
    Il potere che uccide , di Helmut Ortner, Ŕ un saggio che documenta la pena di morte nel mondo, dai tempi antichi ad oggi. Il libro descrive i vari tipi di pena capitale che si sono susseguiti nel tempo come la crocifissione, l'annegamento, la decapitazione tramite ghigliottina, raccontandone i dettagli tecnici e il loro sviluppo tecnologico, sino ad arrivare ai pi¨ moderni gas letali o veleni iniettati.
    Il testo, per˛, non si ferma alla mera narrazione dei fatti citandone degli esempi realmente accaduti, esso analizza a fondo anche il lato psicologico e sociologico della questione. Si pone domande sulle conseguenze della spettacolarizzazione dell'applicazione della pena; dell'influenza che questa ha nel rapporto tra Stato e cittadini, o tra i cittadini e la legalitÓ. Affronta, inoltre, un'attenta analisi di coloro che la subiscono e di coloro che la attuano: i boia.
    Infine, l'autore si pone interrogativi sul poter abbandonare definitivamente questo arcaico uso e poter virare verso una societÓ finalmente e realmente civile. E' un testo intenso, che porta a riflessioni profonde, ma che scorre facilmente ed apre visione su alcuni aspetti sociali e umanitari mondiali di cui si parla sempre troppo poco.
    (Alessia Coccaro)



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro della settimana

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy