Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


Fattore Z
di Alessandro Casalini

  • Acquista questo libro su Amazon.it
  • Acquista questo libro su Sillabedisale.it

    Casa Editrice: Sillabe di Sale - 196 pagine




  • Genere: Fantascienza

    Trama:
    Stanza bianca, quattro insoliti personaggi e un contatore appeso al muro da cui prende vita uno strano conto alla rovescia. Sono Padre Sandro (un prete missionario alla disperata ricerca delle risposte che solamente la fede può dare), Nick (una ex rockstar oramai fusa di testa con evidenti problemi di sesso dipendenza), Pam (una scienziata in odore di Nobel piena di sé con misure e curve da top model) e infine Zoe (una malata terminale di AIDS).
    Questi gli improbabili compagni di viaggio catapultati all'interno di un mondo monocromatico scandito dal susseguirsi di numeri apparentemente senza senso. E' solamente un gioco, oppure un altro stupido reality show? E se fosse un esperimento “psico-qualcosa”? Ne resterà solamente uno? Inutile continuare con domande senza risposta, così i quattro cominciano a raccontare sé stessi gli uni agli altri, andando a scavare sempre più a fondo e riportando alla luce vecchi scheletri nascosti in armadi ormai dimenticati.
    Il tempo passa, i ricordi affiorano, mentre i numeri marciano inesorabili verso lo zero. Con in passare delle ore qualcuno del gruppo si perde per strada. Zoe invece ha qualcosa di speciale. Lei sa vedere attraverso quell'apparente successione di numeri senza senso. Numeri primi, ipotesi di Riemann, congetture mai dimostrate. Forse c'è qualcosa oltre quelle pareti bianche.
    Zoe chiude gli occhi e vede.

    Commento:
    Un piacevole romanzo fantascientifico che scava nella psiche umana mettendone in luce tutte le sue debolezze.
    La storia di base ruota intorno a 4 personaggi (un missionario, una malata terminale, una rockstar e una scienziata), che si ritrovano in una stanza bianca e completamente vuota, fatta eccezione per un display alla parete con una serie di numeri che iniziano a regredire seguendo strane logiche.
    Perché queste persone si ritrovano in questa stanza? Perché il conto alla rovescia? Cosa accadrà ai personaggi coinvolti quando il contatore avrà raggiunto lo zero?
    I quattro protagonisti, ottimamente caratterizzati, sono inizialmente timorosi e sospettosi l'uno dell'altra, ma un po' alla volta, spinti dagli eventi, iniziano a dialogare raccontando le loro storie. Scopriamo così dei segreti personali legati ad azioni e comportamenti che inizialmente si è portati a criticare, ma l'autore, con grande maestria, ci mostra come il carattere di ognuno non è altro che il risultato di un vissuto segnato da episodi violenti e dolorosi che hanno condizionato la loro intera esistenza.
    Andando avanti il dialogo si fa fitto e, proprio come avviene quando più persone si ritrovano a condividere una situazione di stress, gli scontri e i litigi diventano frequenti, così sembra di assistere ad una sorta di Grande Fratello con scambi verbali talvolta sboccati e volgari, ma utili a dimostrare che tutti gli uomini, quando sentono di essere vicini a perdere tutto, anche la vita, ritrovano quell'istinto di sopravvivenza che fa venir fuori le parti più istintive e meno addomesticate del proprio "io".
    La suspence cresce e il ritmo veloce fa nascere nuove domande: c'è qualcuno che controlla gli strani eventi in questa stanza? Chi ha orchestrato tutto questo e a che scopo? Durante la lettura scorrevole (in alcuni tratti un po' rallentata e fuorviata dalle note a piè di pagina per le spiegazioni dei teoremi matematici) si fa strada la tesi dell'esperimento scientifico, seguita poi da quella di una sorta di complotto internazionale voluto dal governo, fino all'epilogo sorprendente dove in poche pagine tutto prende forma, anche quelle stranezze lasciate precedentemente in sospeso.
    Una particolarità è costituita dalle note finali in cui l'autore si congeda spiegando com'è nata l'idea del romanzo, come ha costruito la storia e come ha scelto i personaggi: un simpatico modo per coinvolgere il lettore in quella fase propedeutica al "prodotto editoriale" che noi utenti finali non abbiamo mai il piacere di conoscere.
    Consigliato sicuramente agli amanti del genere fantascientifico e dei thriller psicologici.
    (Norberto Loricati)



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro della settimana

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy