Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


E' la vita, Joy
di Nell Dunn

  • Acquista questo libro su laFeltrinelli.it
  • Acquista questo libro su Ibs.it
  • Acquista questo libro su Libraccio.it
  • Acquista questo libro su Amazon.it

    Casa Editrice: Sonzogno - 128 pagine
    Disponibile in formato ebook




  • Genere: Narrativa straniera

    Trama:
    Londra, anni Sessanta. Joy, detta Fiorellino, porta una finta coda di cavallo bionda, ha gambe magre su scarpe di camoscio dai tacchi alti, il corpo esile, i seni grossi. Non esce di casa senza le sue ciglia finte e i riccioli alla Cleopatra sistemati dietro le orecchie. A vederla passeggiare per strada guardando le vetrine, scherzando con le amiche, facendo battute sugli uomini, non si direbbe che la sua è una vita di stenti, costellata di guai. Si è sposata presto, Joy, con un rapinatore, attratta dall'avventura e dai soldi facili. Invece i soldi un giorno ci sono e quello dopo no. E quando suo marito finisce in prigione lei, rimasta incinta del piccolo Jonny, è costretta a crescerlo da sola. Eppure Joy non si arrende, anche perché a ventidue anni è ancora troppo giovane per rinunciare all'amore. Allora arriva Dave, di nuovo un poco di buono, così più affettuoso e divertente del marito da farla sentire una regina anche quando se ne stanno soli tra quattro mura a fumare, suonare la chitarra o ascoltare le hit preferite alla radio. D'altra parte, poco importa che sia Dave il vero amore: quando le cose si mettono male anche per lui, povero cristo, ancora una volta Joy non intende rassegnarsi. E ora, più di prima, dovrà imparare ad arrangiarsi da sola, tra lavoretti precari, storie di una notte, sogni a occhi aperti, scelte difficili, ma anche la forza e la testardaggine di imparare

    Commento:
    Leggere "E' la vita, Joy" è stato come scartare e gustare una caramella agro-dolce.
    Joy, Joysy, è la protagonista del romanzo ed è raffigurata al lettore attraverso la descrizione degli abiti che veste, delle acconciature posticce con cui si agghinda, della femminilità che emana il suo corpo; appare appariscente, svolazzante, fluttuante, colorata e frivola, è soprannominata Fiorellino, Campanellino, o Raggio di sole. Dolce e deliziosa, ma per tutto il romanzo avrei voluto fosse diversa.
    Conduce una vita disagiata, all'insegna dei guai, delle ristrettezze, delle delusioni. Ha ventuno anni e un figlio neonato, Jonny, cui badare da sola. Per il piccolo e per se stessa sogna un'esistenza agiata, con un'auto, un cottage, bei vestiti; vorrebbe una bella casa, vorrebbe calore. Joy s'impegna nel perseguire i suoi traguardi, cerca di cambiare, reinventarsi, emanciparsi, autoaffermarsi, ha un gran cuore e tanta bontà d'animo, ma sogna ad occhi aperti. Insegue desideri sostanzialmente effimeri, attraverso mezzi altrettanto superficiali e ingenui, talvolta anche spregiudicati e illeciti, ma soprattutto oscilla: combatte per la propria felicità e per trovare il suo posto nel mondo, rivendica la sua indipendenza e la sua libertà, ma poi si affida, dipendendone del tutto, agli uomini della sua vita o a quelli che incontra lungo il suo cammino, e ne diventa vittima.
    L'oscillazione di Joy tra dubbi e desideri è magistralmente sviluppata attraverso la narrazione del testo che procede alternando la voce dell'autrice alla voce della stessa Joy. Joysy si esprime nel flusso dei suoi pensieri semplici e innocenti, attraverso le lettere che scrive, un concentrato di errori grammaticali e slang, e le canzoni che ascolta, romantiche e cult anni Sessanta. Tramite una scrittura diretta, scorrevole e asciutta, la protagonista risulta un personaggio ben costruito, accuratamente dettagliato nelle sue sfaccettature di donna, ma stereotipico, sia a livello psicologico che nel susseguirsi delle vicissitudini in cui intercorre. Del romanzo, non ho, infatti, trovato avvincente Joy in se stessa o la trama, quanto l'amarezza e la desolazione che le scelte della protagonista mi hanno fatto insorgere. Il senso di disagio, la voglia di rivalsa e il sentimento di abbandono non mi hanno lasciato neppure per una pagina.
    Ho capito, così, che la bellezza del libro sta nel suo contrappeso: la lettura leggera e scorrevole del racconto nasconde la drammaticità dell'esistenza. E' un romanzo che fa riflettere. Apparentemente retrò, si svela moderno nel farci porre davanti ai nostri sogni con un atteggiamento più consapevole e sicuramente differente e scostante rispetto quello di Joy. Permette al lettore di soppesare meglio i propri desideri e di domandarsi se il modo in cui li persegue e la natura di cui sono pervasi siano futili e frivoli, perché l'esistenza non è fatta di sogni, non è solo felicità priva di sofferenza: "E' la vita, Joy".
    (Valentina Macor)



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro della settimana

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy