Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


Chelsea & James
di Roberto Giuseppe Cozzo

  • Acquista questo libro su Amazon.it
  • Visita il sito dell'autore


    Casa Editrice: Pubblicazione indipendente - 181 pagine
    Disponibile in formato ebook




  • Genere: Avventura

    Trama:
    "Negli occhi di Chelsea vedo qualcosa che mi spinge ad andare avanti. Non solo. Qualcosa che mi guida, che mi conduce lungo la strada da seguire, e non si limita ad indicarmela. E' una strada che potrei non essere in grado di percorrere. Non so se sia in difetto di coraggio o capacità, ma sento che dovrei provarci ugualmente. A qualunque costo." Nel tentativo di perseguire il proprio personale senso di giustizia, due ragazzi cercano di fuggire da un ingombrante passato, che li condiziona fortemente. La moralità, immancabilmente relativa, viene messa in discussione, mentre un viaggio li porterà via dalla zona in cui hanno imparato a soffrire. Scopriranno che allontanarsi da un luogo è possibile, ma prendere le distanze dalle proprie vite è un obiettivo che può essere raggiunto solo conoscendo sacrifici forse insopportabili. Giuseppe Cozzo è un giovane scrittore. "Chelsea & James" è la sua opera d'esordio. E' attivo su Twitter e Facebook, e gestisce un blog personale a suo nome. Sta lavorando al prossimo romanzo, che verrà pubblicato nell'autunno del 2015.

    Commento:
    Un bel racconto in cui un ragazzo e una ragazza molto giovani, quasi coetanei, si incontrano per caso: lui è in fuga da sé stesso e da una vita piena di dolori, non sa dove andare ma sa con certezza che vuole allontanarsi da un passato insopportabile, al punto che qualunque cosa possa riservare il futuro è certamente meglio di ciò che sta lasciando; lei fa la cameriera in un locale per mettere insieme i soldi appena sufficienti a mantenere il patrigno costantemente ubriaco, situazione senza via di uscita che le impedisce ogni possibilità di soddisfazione.
    L'incontro è casuale ma è come se fosse stato programmato dal destino.
    I due ragazzi, dopo una intera esistenza in cui nessuno li ha compresi fino in fondo, scoprono di capirsi più di quanto essi stessi potessero immaginare, accomunati dall'aver vissuto entrambi esperienze dolorose con sacrifici a cui, troppo presto, hanno dovuto abituarsi. Per questo sentono di essere in credito dalla vita sviluppando un senso di giustizia del tutto personale, infatti non si fanno scrupoli a truffare e rubare ogni volta che se ne presenta l'occasione, aiutati anche dal loro bell'aspetto che, unito alla giovane età, fa si che le loro vittime tendano a fidarsi non immaginando di poter temere raggiri da due ragazzi all'apparenza per bene.
    Lo stile di scrittura è fluido, lineare, le descrizioni sono precise e permettono al lettore di essere presente nelle scene. E' come essere nella mente del ragazzo che inizialmente ha scelto un totale isolamento per non essere notato, non parla con nessuno, si conoscono quindi i suoi pensieri e i suoi ragionamenti, solo in un secondo momento subentrano i dialoghi e le considerazioni personali su quanto viene detto.
    Tutta la prima parte del libro è ben sviluppata, i particolari del presente e del passato si mescolano con una delicata attenzione all'animo umano, ai dolori subiti e alle "cicatrici" che questi ultimi hanno causato nel cuore dei nostri protagonisti.
    Da un certo punto in avanti il libro invece cambia radicalmente tono, infatti l'autore, chiaramente influenzato dalla cinematografia americana, introduce altri ingredienti che fanno calare l'interesse per la storia: diciamo che il tutto diventa un mix di Bonnie e Clyde, Rambo e Thelma & Louise.
    Per quanto il libro si legga piacevolmente, questa raccolta di temi poco originali alla fine rendono il tutto meno interessante di quanto potesse apparire nelle prime pagine. Si ha forte la sensazione che l'autore abbia esagerato nel tentativo di stupire con le sue capacità descrittive (che indubbiamente non mancano) ottenendo l'effetto opposto a quello sperato. Ci auguriamo quindi che la sua prossima opera non sia rovinata dalla voglia di strafare che ha caratterizzato questo libro e che, acquistando una maggiore consapevolezza di sé, punti su una storia originale e magari anche "nostrana", con ambientazioni diverse dai film che il cinema americano ci propone, ma decisamente più vere e vicine alla nostra quotidianità.
    Resta comunque un'opera d'esordio degna di nota.
    (Norberto Loricati)



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro della settimana

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy