Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


Aspetti
di Matteo Ghirardi

  • Acquista questo libro scrivendo all'autore ghirardimatteo@gmail.com


    Casa Editrice: Bz Books editore - 68 pagine




  • Genere: Poesia

    Trama:
    Matteo Ghirardi, nato a Conegliano in provincia di Treviso nel 1975, presenta con Bz Books editore la sua nuova silloge di poesie. Oltre alla passione per le lettere, per una decina d'anni, ha condotto con alcuni amici il programma radiofonico Rockalt in onda su Radio Palazzo Carli di Sacile (PN). Amante della natura trae ispirazione dalle montagne e dai paesaggi ammirati durante le escursioni con sua moglie Tania e i figli Gabriele e Stella.

    Commento:
    (Recensione di Giovanni Fierro)
    Ha il suo fascino e la sua disciplina, la scrittura di Matteo Ghirardi.
    E questo è un libro che si muove con la curiosità dei sentieri, fra acque e montagne, fra orti e villette, a pensare alla roccia e ai centri commerciali, a ciò che si è.
    La sua è una ricerca, a testimoniare che esiste comunque un qualcosa a misura d'uomo.
    In queste pagine prende vita una geografia riconosciuta ed una creata. La prima ha a che fare con i luoghi dove Ghirardi si muove e vive, la seconda ci presenta il vibrare della sua tensione responsabile di uomo.
    Ogni poesia è un invito, duplice, all'interno di tutto questo.
    "Siamo siccità,/ bruciati dal sale che risale la foce,/ soli coi nostri sms.", e poi "Tagliare/ tanti legami a cose/ come le viti potate con rispetto/ per il vino buono." e ancora "Ci si appassiona a paesi/ silenziosamente vitali, scoprendoli piano".

    Le parole che usa sono le parole giuste, quelle che trovano significato a partire dal proprio personale sguardo.
    Perché Ghirardi ci pone di fronte alla necessità di prendere posizione e dire, senza creare alcun punto cieco, nessuna fuga né scorciatoia. Siamo qui, adesso, in questa società, non diciamoci le bugie.
    Perché c'è la Storia e le storie: "Un giorno è caduto il muro/ di Berlino./ Da quel giorno/ si sono alzati/ quelli tra le villette".
    E in questa realtà ha radici profonde il nostro quotidiano. Che va alimentato ad attesa, stupore e sorpresa. Energie coltivate con umana pazienza.
    Non c'è nessun tempo perduto qui, perché la memoria che vive in queste poesie è trama dello stesso presente in cui siamo chiamati a vivere.

    Ghirardi tutto questo lo sa molto bene. E ci invita a camminare le montagne, stringere la roccia, bagnarci nei ruscelli, perdere lo sguardo nei campi. Ma tenendoci ben vicini, e dentro, al nostro esistere, in questa società.
    Perché viviamo il nostro stare al mondo, in modo "fragile come una giornata qui:/ in salita,/ magnifica".
    (Recensione fornita dall'autore)



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro della settimana

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy